/ Cronaca

Cronaca | 13 gennaio 2020, 18:40

Ancora una rivolta all'interno del Cpr di Torino: cinque arrestati e altrettanti agenti feriti

Incidenti si erano già verificati nella notte tra il 4 e il 5 gennaio

Ancora una rivolta all'interno del Cpr di Torino: cinque arrestati e altrettanti agenti feriti

Nuova rivolta al Cpr di Torino, dove nella mattinata di oggi, lunedì 13 gennaio, gli ospiti della zona verde e bianca hanno dato alle fiamme materassi e masserizie.

Cinque agenti del Reparto mobile della polizia sono rimasti lievemente feriti. Medicati all'ospedale, gli agenti hanno riportato contusioni giudicate guaribili in una settimana. La polizia, dopo l'analisi dei filmati di videosorveglianza della struttura, ha arrestato cinque persone ritenute responsabili dei disordini.

La notte tra il 4 e il 5 gennaio nel Centro di Permanenza per il Rimpatrio di corso Brunelleschi era già scoppiata una rivolta durante la quale erano stati appiccati incendi in tutte le aree del complesso: sei persone erano state arrestate e la Questura aveva anticipato i rimpatri.

Proteste dalle modalità simili si sono verificate anche nei Cpr di Caltanissetta, Trapani e Bari. Secondo gli inquirenti, i disordini avrebbero una "regia comune" e l'ipotesi è che a pianificare le ribellioni siano esponenti della galassia anarchica.

"Identificare ed espellere questi stranieri direttamente dal carcere è una scelta inderogabile, se non vogliamo assistere a scene di violenza che trasformano il CPR di Torino in un campo di battaglia dove, prima poi, qualcuno potrebbe farsi male molto seriamente", sostiene il Segretario Provinciale del Siulp Eugenio Bravo.

m.d.m.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium