/ Speciale Coronavirus

| 26 marzo 2020, 11:06

Coronavirus: UniTo sostiene il ponte aereo umanitario Pechino-Malpensa

L'obiettivo è accelerare l'afflusso dalla Cina di materiale medico-sanitario urgente per affrontare l'epidemia Covid-19 in tutta Italia

Coronavirus: UniTo sostiene il ponte aereo umanitario Pechino-Malpensa

Il TOChina Hub, piattaforma di ricerca, formazione avanzata e dialogo strategico costituita nel 2017 da Università di Torino, ESCP business school e Torino World Affairs Institute, è impegnato in queste settimane a supportare l'Ambasciata d'Italia in Cina, che sta coordinando un ponte aereo con voli umanitari forniti dalla compagnia aerea Neos Spa. L'obiettivo è accelerare l'afflusso da Pechino di materiale medico-sanitario urgente per affrontare l'epidemia Covid-19 in tutta Italia. 

Nel marzo 2019 il TOChina Hub, in partnership con la China Development Research Foundation e il China Global Philanthropy Institute, ha costituito il China-Italy Philanthropy Forum, un innovativo foro di dialogo people-to-people che coinvolge molti tra i maggiori esponenti del mondo filantropico italiano e cinese. 

"E' motivo di orgoglio constatare la capacità delle diverse componenti della comunità di UniTO di rispondere, ciascuna con i propri strumenti, alla sfida portata da questa crisi sanitaria", afferma Stefano Geuna, Rettore dell'Università di Torino. "In un contesto di pandemia poter attivare reti transnazionali di supporto è essenziale e il lavoro del TOChina Hub è un esempio di connubio virtuoso tra attività di ricerca avanzata e traduzione applicativa del sapere".  

"L'obiettivo delle fondazioni partecipanti al 1° Summit lo scorso anno a Roma è stato sin dall'inizio di promuovere ricerca e formazione action-oriented tra esperienze filantropiche con alto potenziale di convergenza” spiega Giovanni Andornino, docente di Relazioni internazionali dell'Asia orientale  all’Università di Torino e Segretario generale del Forum. “Certo non ci saremmo aspettati di attivare come prima azione congiunta un meccanismo di solidarietà transnazionale per far fronte a una pandemia che fino ad ora ha colpito i nostri due paesi più di ogni altro. Mentre i filantropi cinesi raccolgono aiuti acquistando in Cina beni talora introvabili sul mercato internazionale, i colleghi italiani intervengono a supporto dell'Ambasciata per sostenere il costo dei voli umanitari Neos e superare il drammatico collo di bottiglia nell'approvvigionamento di beni urgenti determinato dalla scarsità di voli cargo".

All'iniziativa hanno aderito Fondazione Cariplo e Fondazione CRT con un primo stanziamento, seguite da  Fondazione Grimaldi, Fondazione Brunello e Federica Cucinelli e Fondazione Agnelli. La compagnia aerea Neos Spa contribuisce facendosi carico dei costi fissi e del proprio personale. I voli umanitari sostenuti dal China-Italy Philanthropy Forum - il primo in partenza domani e il secondo il 31 marzo - non trasportano soltanto donazioni raccolte dai filantropi cinesi associati, ma anche altre donazioni provenienti da tutta la Cina e dispositivi medici acquistati dalle centrali di committenza pubblica nazionale e regionali per i quali sia urgente il trasferimento in Italia.

"Il nostro intervento ha una natura corale e solidale" sottolinea Romano Prodi, co-presidente onorario italiano del China-Italy Philanthropy Forum. "Non ne beneficiano soltanto i territori espressione delle fondazioni donatrici, ma tutto il Paese: da questa crisi si esce tutti insieme."

I numeri relativi alle donazioni dei filantropi cinesi raccolte dal Forum sono costantemente aggiornati da Fang Jin, segretario generale della China Development Research Foundation e già docente presso la TOChina Summer School dell'Università di Torino, sostenuta dalla Fondazione Compagnia di San Paolo (tra i promotori del CIPF attraverso T.wai) . Al momento si tratta di 8 tonnellate tra respiratori e dispositivi di protezione individuale, consegnati alla Protezione Civile di Piemonte, Lombardia e, prossimamente, Emilia Romagna. 

Il 2° Summit del China-Italy Philanthropy Forum si terrà a Pechino nell'autunno 2020, in concomitanza con le celebrazioni per il 50° anniversario della normalizzazione delle relazioni bilaterali tra Repubblica italiana e Repubblica popolare cinese. 

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium