/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 26 gennaio 2020, 05:50

Stop alla sperimentazione sui macachi, l'Università si ribella: "A rischio la libertà di ricerca"

Preoccupazione per l'ateneo dopo lo stop imposto al progetto Light Up dal Consiglio di Stato: "Sempre rispettati i rigorosi parametri nazionali e internazionali. Intorno a noi un clima lesivo"

Stop alla sperimentazione sui macachi, l'Università si ribella: "A rischio la libertà di ricerca"

Una "preoccupazione per il principio costituzionale della libertà di ricerca e della sua crescente messa in discussione". Così l'Università di Torino commenta l'ordinanza del Consiglio di Stato che ha imposto la sospensione del progetto "Light up", che punta ad aumentare la conoscenza sulle carenze visive umane e che utilizza alcuni macachi nelle attività di sperimentazione.

"Le prove che sono state richieste dal Consiglio di Stato - prosegue l'ateneo di via Po - sono già state presentate a tutti gli organi competenti in occasione dell'iter per ottenere le autorizzazioni per la selezione e il finanziamento del progetto".

La situazione, peraltro, si va a sommare a un'altra preoccupazione in ambito accademico: "la rapida degenerazione del clima mediatico, a causa della lesione dell'immagine pubblica della ricerca che è ingiustificata. Speriamo che la libertà di ricerca pubblica venga presto riaffermata con chiarezza, da parte delle istituzioni: i ricercatori hanno sempre operato nel totale rispetto del quadro normativo ed etico, nazionale e internazionale, rappresentando un'eccellenza per la nostra Università". E concludono, dall'ateneo: "Il disegno sperimentale riduce entro rigorosi parametri fisiologici le eventuali sofferenze".

M.Sci

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium