/ Cronaca

Cronaca | 05 marzo 2020, 15:22

Due positivi al coronavirus a Nichelino ed uno a Moncalieri

La conferma arrivata dal sindaco di Nichelino Giampiero Tolardo: martito e moglie si sono presentati ieri sera al Santa Croce, poi l'uomo è stato trasferito in terapia intensiva all'Amedeo di Savoia, che ospita anche il moncalierese contagiato

Due positivi al coronavirus a Nichelino ed uno a Moncalieri

Arrivano anche nella cintura sud di Torino i primi casi di persone positive al coronavirus. C'è un caso segnalato a Moncalieri e due a Nichelino, marito e moglie: la conferma è arrivata direttamente dal sindaco (nonché medico) Giampiero Tolardo.

Marito e moglie si erano presentati ieri sera al pronto soccorso del Santa Croce di Moncalieri. L'uomo, stando a quanto ricostruito, sarebbe poi stato trasferito all'Amedeo di Savoia per il sopraggiungere di complicazioni polmonari. "Ma è in terapia intensiva, non in rianimazione", ha precisato Tolardo, per spiegare che la situazione "è seria ma non gravissima".

Il caso positivo al Coronavirus residente a Moncalieri è un cittadino che è stato ricoverato al Pronto Soccorso delle Molinette e poi trasferimento all’Amedeo di Savoia. "Al momento nessun caso positivo accertato è ricoverato al Santa Croce", ha precisato il sindaco Paolo Montagna, che ha comunicato di aver "subito attivato il COC-Centro Operativo Comunale, riunendo Polizia Municipale, Carabinieri, Protezione Civile e Croce Rossa per un monitoraggio puntuale della situazione".

Il virus, purtroppo, si sta diffondendo, ma "in questo momento è fondamentale mantenere la calma, lo dico prima di tutto come operatore sanitario", ha aggiunto il sindaco di Nichelino Tolardo. "Dobbiamo attenerci scrupolosamente al decreto approvato ieri dal Governo, riorganizzando tutte le attività e adeguarci anche alle limitazioni imposte. Dobbiamo dimostrarci comunità in questa fase, perché il decalogo che è stato predisposto è stato approvato dall'Istituto Superiore di sanità, quindi dalle persone più preparate e qualificate di fronte a un'emergenza di questo genere".

Poi Tolardo ha concluso dicendo: "La diffusione del virus può creare problemi, ma è importante sottolineare che il virus spesso non è particolarmente  aggressivo e questo impedisce di trovase immediatamente i casi: ci sono molti portatori che lo diffondono e questo tutto rende più difficile. Ma, allo stesso tempo, dal coronavirus si può guarire, adesso è importante lavorare sulla prevenzione".

Massimo De Marzi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium