Elezioni comune di Torino

 / Sport

Sport | 07 settembre 2021, 10:22

8 le medaglie conquistate da atleti piemontesi alle Paralimpiadi, Carlotta Gilli la protagonista

La soddisfazione di Silvia Bruno, Presidente CIP Piemonte, per il bottino di 3 Ori, 4 Argenti e 1 Bronzo ai Giochi di Tokyo

Carlotta Gilli a Tokyo

Carlotta Gilli la migliore della spedizione piemontese alle Paralimpiadi di Tokyo

Domenica 5 settembre si è chiusa a Tokyo la sedicesima edizione dei Giochi Paralimpici estivi con un bilancio entusiasmante per la spedizione italiana. Ben 69 medaglie (14 ori, 29 argenti, 26 bronzi) – che confermano il nono posto nel medagliere raggiunto a Rio 2016 – a conclusione di un’estate indimenticabile per tutto lo sport italiano.

Undici (sette donne e quattro uomini) i convocati piemontesi che hanno preso parte all’evento più atteso da tutto lo sport paralimpico. Una delegazione, mai così numerosa, che ha contribuito con ben 8 medaglie e importanti prestazioni al successo dell’avventura italiana in Giappone.

Di seguito, nel dettaglio, i risultati di tutti gli atleti:

  • Carlotta Gilli – nuoto: 5 medaglie (2 ori, 2 argenti, 1 bronzo)
  • Diego Colombari – ciclismo: 1 medaglia (oro)
  • Elisabetta Mijno – tiro con l’arco: 1 medaglia (argento)
  • Andreea Mogos – scherma: 1 medaglia (argento)
  • Cristina Scazzosi – canottaggio: 5° posto
  • Lorenzo Bernard – canottaggio: 5° posto
  • Alessandro Ossola – atletica, 100 metri: 6° posto
  • Francesca Fossato – sitting volley: 6° posto
  • Amine Mohamed Kalem – tennistavolo: 9° posto
  • Veronica Silvia Biglia – canoa: 11° posto
  • Carola Semperboni – equitazione: 12° posto

Inoltre, altri quattro piemontesi erano presenti nella delegazione, in qualità di allenatori e accompagnatori: Fabrizio Monici (equitazione), Elena Grosso e Andrea Grassini (nuoto), Antonio Tosco (tiro con l'arco).  

Silvia Bruno, Presidente CIP Piemonte, si è dichiarata molto soddisfatta: “È stata evidentemente una Paralimpiade eccezionale quella di Tokyo, per tutta la squadra italiana e anche per la delegazione piemontese, che ha incrementato il numero di medaglie conquistate, dopo i 4 bronzi di Rio 2016. La nostra rappresentativa regionale, in gara in ben 10 discipline diverse, era composta soprattutto da atleti esordienti ai Giochi e tutti, al di là dei risultati, hanno dato il massimo vivendo una straordinaria esperienza di sport e di vita, nonostante le difficoltà di questo periodo storico. Ora la speranza – ma è quasi una certezza in realtà – è che questi campioni e queste campionesse siano di ispirazione e modello per tanti ragazzi con disabilità che, vedendo le loro gesta in tv o in rete, hanno scoperto o avuto la conferma che è possibile fare sport. Il mondo paralimpico è pronto ad accoglierli: non è detto che tutti debbano diventare fuoriclasse ma è sempre importante scoprire nuovi talenti, anche perché le Paralimpiadi di Parigi 2024 sono dietro l’angolo”.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium