/ Attualità

Attualità | 29 novembre 2021, 07:10

Pioggia e maltempo, in città si moltiplicano le buche: “Alcune sono così da un anno, servono più fondi”

Situazione critica nel quartiere Barca e Bertolla. Lomanto: “Nella prima assemblea dei presidenti abbiamo chiesto più fondi”

buche nel quartiere barca

Pioggia e maltempo, in città si moltiplicano le buche: “Alcune sono così da un anno”

Una buca, poi un’altra e la pioggia che trasforma le strade torinesi in groviere. Si è messo anche il maltempo a peggiorare la situazione dei corsi e delle vie di Torino, che sempre più di frequente devono fare i conti con pezzi d’asfalto che si staccano dal manto stradale e voragini che si aprono improvvisamente. 

Barca e Bertolla in crisi

La situazione più grave si registra nel quartiere Barca e Bertolla e nella collina torinese. Strada Settimo, strada San Mauro, strada del Cascinotto e via Anglesio. Una mappa dell’orrore, un pericolo per gli automobilisti, i ciclisti e i motociclisti, ma anche per i tanti pedoni che si muovono. “I problemi principali li registriamo nei punti vicini ai marciapiedi. Ci sono poi le vie laterali, con gli stessi problemi: spesso le buche vengono recintate e stanno li per mesi, senza essere chiuse” racconta Gabriella Sampaolo, del comitato civico La Barca e Bertolla, che da anni segnala i disguidi alla Circoscrizione e alla Città di Torino.

Lomanto: “Ci sono buche che rimangono tali da oltre un anno”

E proprio dalle realtà decentrate, nella prima assemblea dei presidenti di Circoscrizione, è stata inoltrata al Comune la richiesta di aumentare i fondi a disposizione per la manutenzione stradale e per le riparazioni. Trovare una soluzione a questo annoso problema è diventata una priorità. “Attualmente possiamo contare solo di una squadra che a turno gira le Circoscrizioni, una volta ogni tre settimane” spiega Valerio Lomanto, presidente della Circoscrizione 6. “Quando mi sono insediato e ho preso in mano il dossier, ho visto che ci sono buche già segnalate che rimangono aperte da un anno: è inaccettabile”, conclude Lomanto.

Da qui la richiesta al Comune di Torino: accelerare sulla manutenzione stradale e mettere a disposizione delle Circoscrizioni maggiori fondi per tappare le buche una volta per tutte, senza ricorrere all’arma della toppa.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium