/ Sport

Sport | 12 maggio 2022, 07:00

Milan-Fiorentina è la prima partita di calcio ad essere trasmessa nel Metaverso

Il progresso tecnologico fa passi da gigante e permette di ottenere sempre più di frequente grandi risultati, dall’ambito culturale a quello dell’intrattenimento, da prendere in considerazione per questo particolare traguardo, che unisce tecnologia e sport, più nel dettaglio il calcio.

Milan-Fiorentina è la prima partita di calcio ad essere trasmessa nel Metaverso

Il progresso tecnologico fa passi da gigante e permette di ottenere sempre più di frequente grandi risultati, dall’ambito culturale a quello dell’intrattenimento, da prendere in considerazione per questo particolare traguardo, che unisce tecnologia e sport, più nel dettaglio il calcio. Di recente, infatti, è stata trasmessa la prima partita di calcio nel metaverso e ha visto come protagoniste due squadre italiane, ovvero Milan e Fiorentina, che si giocavano un match valevole per la 35° giornata di Serie A.

Un risultato storico, che fa da apripista per questa nuova innovazione tecnologica. La novità è stata di uso esclusivo per gli utenti del Medio Oriente e del Nord Africa, che hanno avuto così la possibilità di seguire lo streaming della sfida del campionato italiano in maniera interattiva, grazie al proprio avatar. Questo punto di arrivo potrebbe rivelarsi un punto di partenza per quella che può diventare una vera e propria rivoluzione in campo digitale e dell’intrattenimento.

Metaverso: cos’è e come funziona

Il concetto di metaverso ha fatto il suo ingresso in Italia già con Mark Zuckerberg che ha cambiato il nome dell’azienda da lui stesso fondata, passando da Facebook a Meta, gettando le basi per quello che sarebbe accaduto nell’immediato futuro. Se la realtà virtuale poteva apparire come un concetto lontano o ancora astratto, adesso non è più così dato che, con la prima partita di calcio trasmessa nel metaverso, si sta vivendo un importante progresso, legato sia al mondo tecnologico e sportivo, sia a quello dell’intrattenimento.

Per seguire il match in streaming (attraverso la realtà virtuale), il pubblico del Nord Africa e del Medio Oriente ha dovuto effettuare pochi semplici passaggi. Il primo è stato quello di accedere ad una stanza virtuale utilizzando l’avatar personale (e personalizzato). All’interno ci sarebbe stata la trasmissione della partita tra Milan e Fiorentina, come se si fosse dentro ad un videogioco di cui però si è “semplici” spettatori. Tutti i partecipanti hanno dovuto, in secondo luogo, scaricare in maniera totalmente gratuita un Non-Fungible Token (un NFT), ovvero un “gettone non copiabile” e dunque autentico e impossibile da sostituire, utile come biglietto di entrata (in formato digitale) per accedere all’evento. Una volta superati questi due passaggi ci si ritrova a seguire l’incontro dallo schermo del dispositivo che si sta utilizzando, che va a sostituirsi alla televisione o allo stadio.

A differenza della “visione tradizionale”, tutti gli utenti hanno l’occasione di interagire in diretta con gli altri partecipanti presenti nella stanza virtuale e dunque spettatori, come loro, del match. C’è quindi la possibilità di inviare reaction o avviare una chat, ma non si può puntare sui risultati, sebbene il settore delle statistiche sportive stia già seguendo con attenzione il fenomeno e le possibilità del metaverso connesso allo sport. In più, come se non bastasse, ogni utente può personalizzare il proprio avatar, utilizzando i vari elementi presenti e i brand della Lega Serie A. Questo potrebbe anticipare l’acquisto a tutti gli effetti di gadget virtuali di una squadra in particolare o anche di altri club, sempre attraverso il proprio avatar.

Sarà l’intrattenimento del futuro?

Questa nuova funzione potrebbe rivelarsi decisiva sotto molti punti di vista; chi non ha modo di visionare l’incontro dalla televisione o recandosi allo stadio, potrà usufruire del metaverso, che potrebbe rivelarsi un’ottima alternativa e soluzione, soprattutto per i tanti spettatori che spesso si ritrovano ad essere molto distanti dall’evento che vogliono seguire. Un traguardo tecnologico per nulla scontato che potrebbe così unire spettatori di poli opposti, collegati dalla stessa passione e dello stesso interesse, che riguardi diversi ambiti. L’obiettivo è, dunque, quello di poter coinvolgere molti più spettatori da diverse parti del mondo, che sia calcio o tutt’altro, non soltanto legato allo sport. Dagli spettacoli ai concerti, ciò potrebbe diventare l’intrattenimento del futuro, che aprirà la strada ad altri processi tecnologici e sempre più all’avanguardia. Non soltanto un traguardo che è entrato nella storia, ma anche un progetto ambizioso da portare avanti e sfruttare al meglio, in modo che possa essere accettato e che la straordinaria novità diventi autentica realtà di tutti i giorni.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium