/ Attualità

Attualità | 05 dicembre 2023, 19:36

La Pro loco di Pancalieri prepara le elezioni per il nuovo direttivo

L’associazione ha fatto un bilancio del mandato e messo in tavola i conti del Viverbe 2023, costato circa 40.000 euro

La riunione del 30 novembre, con Senestro secondo da destra

La riunione del 30 novembre, con Senestro secondo da destra

Il presidente Franco Senestro si farà da parte e la Pro Pancalieri sta lavorando per le elezioni per il nuovo direttivo, che si terranno il 14 dicembre, con candidature da presentare entro il 12 dicembre all’e-mail prolocopancalieri@gmail.com. Nella serata di fine mandato, di giovedì 30 novembre, oltre a un bilancio dei due anni, si è parlato dei conti del Viverbe.

La manifestazione quest’anno è stata affidata all’Agenzia Acca di Andrea Caponnetto, con la Pro loco che ha svolto un ruolo nel pagamento delle spese dei festeggiamenti, con l’aiuto del Comune.

“Complessivamente è costata circa 40.000 euro. Le uscite della Pro loco sono state di 21.716,23 euro di cui per l’agenzia Acca – dettaglia Senestro –. Mentre il Comune ha speso 16.114,92 euro per diverse dall’elettricista ai fuochi di artificio”.

I volantini invece sono costati 2.159,40 euro più Iva e su questo punto c’è stato uno scontro con l’Agenzia Acca: “La tipografia ci ha chiesto di pagare anche la spesa per i volantini, che era coperta dagli inserzionisti, e ci siamo rifiutati, telefonando a Caponnetto che aveva raccolto i soldi e chiedendo che se ne facesse carico lui” incalza Senestro”.

Sul fronte delle entrate, invece, la Pro loco ne conta solo una, legata a ai pasti serviti dal ristorante Il Mulino: 4.200 euro, iva inclusa. La cifra restante, per fronteggiare tutte le spese, è stata liquidata grazie a contributi comunali.

Durante la serata, però, è emersa l’incognita degli introiti del plateatico, ovvero della vendita degli stand presenti in fiera: “Noi non sappiamo chi li abbia riscossi e quanto abbia introitato”.

Di questa raccolta si è occupata la stessa Agenzia Acca, come spiega il sindaco Luca Pochettino, senza entrare nel merito delle cifre: “L’Agenzia ha raccolto il plateatico per nome e conto del Comune, girandogli i soldi, e ricevendo una parte di questi per i costi e il lavoro prestato”.

Durante la serata Senestro, a titolo personale, ha bocciato anche la manifestazione, proponendo di rivalutare la formula. Una bocciatura che non convince del tutto l’assessore comunale alle Manifestazioni Mario Leontino: “I costi sono stati maggiori del passato, anche perché ci sono normative più stringenti e onerose – replica –. Per quanto mi riguarda so che ci sono persone a cui è piaciuta questa formula, che ha portato la fiera in centro paese, e altre a cui non è piaciuta”.

Marco Bertello

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium