ELEZIONI REGIONALI
 / Economia e lavoro

Economia e lavoro | 15 maggio 2024, 09:00

Sport e alimentazione: quando il miele è la risposta

Una scelta che abbraccia la sostenibilità di un prodotto naturale e l'impegno di migliaia di apicoltori che lavorano per tutelare la salute delle proprie api e dell'ambiente.

Sport e alimentazione: quando il miele è la risposta

Grazie alle sue caratteristiche energetiche e nutrizionali, il miele può essere un alleato prezioso nell’alimentazione di tutti noi, ancor più quando parliamo di sportivi. Da sempre apprezzato per le sue proprietà benefiche sulla salute, il miele è composto principalmente da carboidrati, minerali e vitamine, tutti elementi in grado di migliorare le prestazioni fisiche e favorire il recupero dopo l'esercizio.

A seconda dello sport praticato, il miele può essere consumato in diversi momenti dell’attività fisica. Se assunto tra 20 minuti e un’ora prima dell’attività fisica, ad esempio, può aumentare la capacità di resistenza allo sforzo. Durante l’esercizio, mantiene la concentrazione di zucchero nel sangue relativamente costante. Consumato, invece, al termine dell’attività aiuta a riequilibrare i livelli di zucchero nel sangue e a reintegrare le riserve di glicogeno, aiutando il corpo a prepararsi agli allenamenti successivi. È importante che il consumo di miele venga integrato in una dieta equilibrata e personalizzata in base alle esigenze individuali degli atleti.

Da “nettare degli dei” a “nettare degli sportivi”, quindi, in quanto fornisce tutti i nutrienti e i benefici necessari al miglioramento della performance sportiva e al successivo recupero, senza rinunciare alla qualità e al gusto di un buon prodotto naturale. 

È fondamentale però scegliere un miele di qualità, la cui salubrità e sicurezza siano garantite da costanti e accurate analisi di laboratorio. Queste ricerche vengono generalmente utilizzate per determinare la composizione e le proprietà fisiche del miele, fondamentali per definirne la salubrità e la sicurezza. Inoltre, possono essere impiegate per identificare le caratteristiche organolettiche, al fine di assicurare al consumatore un prodotto con caratteristiche sensoriali riconoscibili e costanti nel tempo, garantendo una produzione di alta qualità.

Una scelta che abbraccia la sostenibilità di un prodotto naturale e l'impegno di migliaia di apicoltori che lavorano per tutelare la salute delle proprie api e dell'ambiente.

La cooperativa Piemonte Miele nasce a Cuneo nel 1976, grazie al sogno di 9 apicoltori che unirono le proprie forze. Oggi rappresenta un punto di riferimento nazionale nella produzione di miele di alta qualità: con circa 460 soci costituisce la maggiore cooperativa di produttori di miele di tutto il nord Italia.

informazione pubblicitaria

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium