/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 03 dicembre 2018, 12:35

Boccia (Confindustria): "Dal Poli e da Torino un messaggio importante per il Paese. La manifattura va riportata al centro della discussione

Il presidente degli industriali italiani: "Siamo pronti a fare la nostra parte anche dal punto di vista formativo, come imprese"

Boccia (Confindustria): "Dal Poli e da Torino un messaggio importante per il Paese. La manifattura va riportata al centro della discussione

Attesissimo anche per l'appuntamento pomeridiano alle OGR per la Torino-Lione, Vincenzo Boccia ha voluto partecipare anche alla cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico del Politecnico. E sposa in toto la linea scelta dall'ateneo per formare figure professionali che che trovino posto nel mercato del lavoro sulla base delle necessità delle aziende.

"Confindustria dà il massimo sostegno al progetto che potrebbe essere una soluzione importa per il nostro Paese, quello della rete tra imprese, ITS e Università. Sapere che esistono eccellenze come gli ITS piemontesi e il Politecnico di Torino, tra i pionieri di percorsi come la laurea professionalizzanti è molto importante".

E aggiunge: "Serviva un segnale per dire alle famiglie e ai ragazzi che la manifattura deve tornare centrale, riportando il lavoro al centro della discussione. E da qui, al Politecnico, questo messaggio è partito e per questo non possiamo che ringraziarvi. Avete il pieno sostegno delle imprese di Confindustria e della loro responsabilità formativa. Dobbiamo recuperare un clima di comunità perché troppo spesso si vive di confronti, ma si muore di conflitti".

"Sappiamo perfettamente che in futuro sarà sempre più difficile trovare persone adatte alla necessità del comparto produttivo. La prossima sarà un'industria delle idee e del pensiero. Si dovranno allargare i confini della conoscenza e del know-how".

"Vorrei - ha concluso - che uno studente del Politecnico non concluda più il suo percorso di studi chiedendosi con le sue competenze a quale occupazione potrà ambire. Ma piuttosto, con le sue competenze, quanti nuovi posti di lavoro potrà creare".

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium