/ Attualità

Attualità | 06 dicembre 2019, 14:10

Curva Primavera semivuota contro la Fiorentina, i taxisti granata: “Deve tornare ad essere il luogo delle famiglie e dei bambini’’

Il Taxi Granata & Friends chiede anche di tenere aperta la cancellata di via Filadelfia, almeno nelle partite non a rischio, per favorire il deflusso ed evitare la congestione che si registra all’incrocio con corso Agnelli

Curva Primavera semivuota contro la Fiorentina, i taxisti granata: “Deve tornare ad essere il luogo delle famiglie e dei bambini’’

Gli incidenti capitati nella gara contro l’Inter in curva Primavera (che hanno fatto seguito a quelli successi contro il Napoli ad inizio ottobre)  hanno sollevato il problema della sicurezza dentro lo stadio Olimpico.

In un recente vertice tra la Digos, il Torino FC e i rappresentati dell’Unione Club Granata si è stabilito che d’ora in poi non ci sarà più commistione di tifosi delle opposte fazioni in curva, peccato che adesso lo stop sia definitivo e a tempo indeterminato anche quando ci sono partite non presentano problemi di ordine pubblico. E così Toro-Fiorentina o un Toro-Genoa di Coppa Italia è alla stregua di una sfida con l’Inter, il Napoli  - squadre che si portano sempre un gran seguito di tifosi – oppure di quelle con l’Atalanta o la Sampdoria, da sempre gare considerate a rischio, per la rivalità storica che divide le compagini.

Contro i viola domenica non saranno in curva i Torino Hoolingas, per protestare contro i Daspo e le decisioni della Questura nei loro confronti, a seguito di quanto capitato il 23 novembre, ma non ci saranno anche i tifosi della Fiesole, che per solidarietà nei confronti dei ‘cugini’ granata, non entreranno allo stadio. E in più c’è questa aria di contestazione latente, esplosa nel finale della partita contro l’Inter e ripetutasi anche al ritorno della squadra dalla vittoriosa trasferta di Genova. In un clima tutt’altro che natalizio, il Toro si avvicina a una sfida delicatissima per la sua classifica e c’è anche chi, all’interno della tifoseria, ha deciso di far sentire la propria voce, in maniera corretta quanto decisa, per denunciare quello che non va, ma anche proporre idee e iniziative per uscire dallo stallo.

I taxisti granata, che espongono con orgoglio il loro striscione anche nelle gare casalinghe della formazione Primavera al Fila, hanno la maggior parte dei loro iscritti che assistono alle partite in curva Primavera. “Dopo quanto è successo contro l’Inter abbiamo dovuto fare noi opera di proselitismo, perché c’erano padri e madri che non potevano più venire allo stadio con i loro figli. Si va allo stadio, non si deve avere paura di finire in mezzo alla guerra’’, ha spiegato il presidente Guido Viretto. Per chi fa delle sicurezza una ragione di lavoro - e di vita – è inconcepibile che si assista a scene come quelle che hanno caratterizzato il pre partita contro i nerazzurri.

Per questo, il Taxi Granata & Friends chiede che una politica che incentivi la presenza degli Under 14 e delle famiglie andrebbe fatta in modo più costante e non solo per certi settori dello stadio, con l’auspicio che la curva Primavera torni ad essere un luogo frequentato in assoluta sicurezza per i nuclei familiari. Ma si fa notare anche una questione: “Per ragioni di sicurezza viene chiuso il cancello su via Filadelfia che si trova subito dopo il settore ospiti, ma in questo modo si crea un grosso imbuto all’uscita dallo stadio, nell’incrocio con corso Agnelli, quando in pochi istanti migliaia di persone si ritrovano in poche decine di metri quadrati – sottolineano Viretto, il tesoriere del club Riccardo Rubino e Gianluigi Giaudrone - Va pensata una soluzione diversa, quanto meno nelle partite in cui non ci sono tifoserie avversarie numerose o temute. Non vorremmo che nella calca che si crea a fine partita poi succeda qualcosa. Perché se qualcuno finisce a terra rischia di essere sommerso dalla calca’’.

La soluzione che i taxisti propongono è quella di tenere aperta la cancellata almeno nelle partite ‘normali’ o di studiare soluzioni che permettano un deflusso più veloce e soprattutto in sicurezza. Di incidenti dentro la Primavera se ne sono visti già troppi, ci mancherebbe doverne raccontare anche all’esterno della curva.

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium