/ Chivasso

Chivasso | 22 gennaio 2020, 16:25

Si è aperta la mostra Carnevali piemontesi: Chivasso, Ivrea, Santhià e Borgosesia i grandi protagonisti

Alle ore 17 l'inaugurazione a Palazzo Lascaris

Si è aperta la mostra Carnevali piemontesi: Chivasso, Ivrea, Santhià e Borgosesia i grandi protagonisti

Con la festa dei Carnevali di Chivasso, Borgosesia, Ivrea e Santhià iniziano le celebrazioni del 50esimo anno della Regione Piemonte. Nella giornata di oggi, mercoledì 22 gennaio, Palazzo Lascaris si è aperto al pubblico di visitatori animato dai suoni di pifferi e tamburi e delle Maschere tradizionali di quattro Carnevali storici del Piemonte, Borgosesia, Chivasso, Ivrea e Santhià, che si sono trovati per la prima volta insieme. Una ricca mostra intitolata "Tradizione e storia del grande carnevale piemontese" e realizzata attraverso un percorso visivo ed emozionale tra le fotografie e i cimeli, tra costumi di scena e libri rimarrà aperta al pubblico fino al 25 febbraio nelle due sedi espositive a Torino: la Biblioteca della Regione Piemonte in via Confienza 14 e l'Ufficio Relazioni con il Pubblico in via Arsenale 14G.

La mostra presenta numerose testimonianze storiche dei quattro Carnevali: dalla maschera degli aranceri con la Feluca del Generale di Ivrea, al tipico mestolo in legno (il cassù) del Mercu Scurot di Borgosesia, dalla divisa del Corpo dei Pifferi e dei Tamburi di Santhià, al collare con il medaglione dell'Abbà di Chivasso, oltre alle tante foto storiche che testimoniano le tradizioni centenarie dei carnevali piemontesi. 

"Il Consiglio regionale con questa manifestazione e con l'interessante mostra dei cimeli e delle fotografie contribuisce a preservare e valorizzare le antiche tradizioni storiche dei nostri Carnevali - ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale Stefano Allasia - momenti di festa molto legati al contesto territoriale e culturale piemontese. Oltre gli aspetti di spettacolo e al folklore, i grandi Carnevali regionali rappresentano anche un’importante occasione di promozione del territorio piemontese, oltre che un momento di coesione e aggregazione sociale delle comunità locali che li organizzano per mesi con molta cura".

All'incontro hanno partecipato le Maschere tradizionali ed i rappresentanti dei quattro Carnevali storici che hanno spiegato al pubblico storie e tradizioni delle loro manifestazioni, invitando tutti a partecipare ai loro Carnevali. Davide Chiolerio presidente della Pro Loco Chivasso “L’Agricola”, ha dichiarato: "Per noi essere qua è una grande occasione. Oltre che far conoscere la nostra tradizione, essere qui uniti con altri carnevali importanti ci consente di gettare le basi per il futuro, per mantenere e rafforzare sempre di più le nostre tradizioni. Io credo che insieme possiamo essere un' attrazione turistica, in dieci giorni di festa, i visitatori possono infatti vedere quattro Carnevali differenti tra loro e tutti speciali. L'apertura di questa mostra, a cui si lavora da due anni, apre un nuovo capitolo nella storia del Carnevale, un capitolo fatto di solida amicizia. Tra di noi non c'è nessun tipo di competizione, al contrario lavoriamo tutti insieme con l'intento di fare bene per il territorio". 

Presenti anche Marco Canuto presidente del Comitato Carnevale Borgosesia, Alessandro Caprioglio vicepresidente Associazione Turistica Pro Loco di Santhià, Piero Gillardi presidente della Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea.

Numerosi i consiglieri regionali presenti alla manifestazione: Gianluca Gavazza, Giorgio Bertola, Michele Mosca, Carlo Riva Vercellotti, Andrea Cane, Angelo Dago. Martedì 18 febbraio alle ore 21 a Santhià (VC), al PalaCarvè, Gran Gala delle Maschere e dei Personaggi: un momento di festa aperto anche alle Maschere dei Carnevali dell'intero Piemonte.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium