/ Eventi

Eventi | 31 gennaio 2020, 16:30

"Non si può morire di smog": Fridays For Future Torino in protesta davanti a Regione e Comune (FOTO e VIDEO)

I giovani portavano tutti la mascherina, ma non per la paura del coronavirus, ma per protestare contro l'immobilismo delle istituzioni

"Non si può morire di smog": Fridays For Future Torino in protesta davanti a Regione e Comune (FOTO e VIDEO)

Hanno tutti la mascherina, ma non per la paura del coronavirus. I Fridays For Future Torino questo pomeriggio sono tornati in protesta, davanti a Regione e Comune, per l'emergenza smog. 

"È inaccettabile - hanno spiegato gli attivisti ambientali - che Torino e il Piemonte si rimpallino la palla, senza prendere decisioni concrete". Prima tappa della manifestazione piazza Castello, dove i giovani hanno urlato all'indirizzo della giunta Cirio "Non si può morire di inquinamento, Regione mi devi un polmone", per poi dare vita ad un flash mob sdraiandosi per terra e fingendosi morti.

I Fridays For Future Torino hanno anche esposto un grosso cartellone, con davanti la scritta "Ci avete rotto i polmoni".

Sul retro un manifesto con impegni precisi - dalla richiesta alla Ue di adeguare gli obiettivi di Parigi con l'azzeramento della produzione di gas serra per il 2035, al no a trattati di libero scambio con paesi privi di politiche per l'aumento di temperatura - da sottoscrivere per bloccare le emissioni di Co2.

 

"Negli ultimi dieci anni - si leggeva su un altro manifesto - Torino ha respirato aria inquinata 1.028 giorni su 3652", mentre su un altro cartello si leggeva "Solo nel 2020 abbiamo respirato aria insalubre per 23 giorni".

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium