/ Politica

Politica | 20 marzo 2020, 15:22

Coronavirus, Cane (Lega): "I servizi del pronto soccorso di Lanzo sono sospesi per far fronte all'emergenza"

Ruffino (FI): "Il Piemonte eviti l'impoverimento della Sanità sul territorio". Montaruli (FdI): "Scelta incauta chiudere i pronto soccorso, Cirio ci ripensi"

immagine generica

immagine generica

 "Sull’emergenza coronavirus si concentra giustamente ogni sforzo sanitario e ogni risorsa delle finanze pubbliche. Tutti siamo chiamati a fare qualche rinuncia, e la libertà di movimento è forse la meno grave se può aiutare a debellare una minaccia grave come è questo virus. Anche i Comuni più piccoli sono chiamati a dare il loro contributo, come sta accadendo in queste ore in Piemonte con la chiusura di numerosi punti di Primo interventi e dei Pronto soccorso negli ospedali. Tutto quanto si fa per fronteggiare questa emergenza va accettato. Avendo però chiaro un punto: l’emergenza non può diventare, una volta cessata, l’alibi dietro cui far passare un ridisegno della sanità pubblica piemontese impoverendo i territori dei loro importanti presidi ospedalieri". A dirlo è Daniela Ruffino, parlamentare piemontese di Forza Italia.

"Ho raccolto voci allarmate - prosegue Ruffino - da parte di molti cittadini che mi chiedono 'ma poi riapre il Pronto soccorso?'. Ecco: se c'è una cosa che la guerra contro il coronavirus sta insegnando a tutti noi è che non si può abbandonare la sanità sul territorio, anzi essa va potenziata perché il piccolo ospedale con il suo Pronto soccorso è la migliore sentinella per presidiare il territorio quando arriva l’emergenza".

Il responsabile degli Enti Locali per il Piemonte della Lega Salvini, Andrea Cane, vicepresidente della Commissione Sanità, ha intanto lanciato proprio stamane l’appello alla popolazione di Lanzo e delle zone limitrofe che utilizza il Pronto Soccorso del presidio ospedaliero: "Non recatevi nel Pronto Soccorso di Lanzo perché i servizi dello stesso verranno sospesi".

“Nessun allarmismo - ha spiegato il Consigliere canavesano Cane in merito alla Circolare regionale che impone la chiusura dei Pronto Soccorso di Lanzo - la sospensione del servizio è solo momentanea e circostanziale. Non legata ad una indicazione di pericolo nella zona, ma semplicemente dettata dalla razionalizzazione di personale e strutture nel momento dell’emergenza Covid-19”.

"Entro 3 giorni i Direttori sanitari dovranno liberare e mettere a disposizione tutte le risorse mediche del presidio – ha concluso Andrea Cane - che andranno a colmare le carenze nelle strutture emergenziali, questo provvedimento non cela alcuna volontà di chiudere il presidio lanzese, che cercheremo di rendere pienamente operativo appena la situazione contingente lo permetterà; nel frattempo segnalo anche che a Ciriè è stato allestito in tempo record dentro l'ospedale uno spazio dedicato ai pazienti affetti dal Coronavirus”.

Questo il commento della parlamentare di Fratelli d'Italia Augusta Montaruli: "Vogliamo capire la ratio delle decisioni che stanno dietro a molte scelte. Emergenza non significa scegliere da soli, ma unire le forze. Chiediamo chiarimenti sulla sospensione  dei Pronto Soccorso di Giaveno, Lanzo e Venaria, Borgosesia ecc... e sapere i numeri della distribuzione dei pazienti covid 19 e in che direzione si va ora che si aspetta l’ondata più brutta. Non io, ma i sindaci che sono in prima linea al fianco dei medici non meritano di scoprire quanto sta avvenendo tramite social network. L’emergenza gestita con l’emotività genera panico, il primo che tutti dobbiamo tenere lontano".

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium