/ Il Punto di Beppe Gandolfo

In Breve

lunedì 18 gennaio
lunedì 11 gennaio
lunedì 04 gennaio
lunedì 28 dicembre
lunedì 21 dicembre
lunedì 14 dicembre
lunedì 07 dicembre
lunedì 30 novembre
lunedì 16 novembre
lunedì 09 novembre

Il Punto di Beppe Gandolfo | 23 novembre 2020, 07:40

Preoccupato per le Rsa ma di più per i nostri anziani

Nonostante le visite dei parenti siano state sospese e il personale sottoposto a tampone, il virus è tornato a circolare per vari motivi

Preoccupato per le Rsa ma di più per i nostri anziani

Si tornano a contare i morti nelle Rsa. L'ondata autunnale della pandemia si sta allargando anche nelle strutture per anziani, anche se la situazione non è omogenea.

Alcuni casi sono emblematici, come quello di Trecate, nel Novarese, dove ci sono 60 positivi e un solo negativo. O Castelnuovo Don Bosco, dove si contano 82 ospiti positivi su 96 e 40 dipendenti positivi su 50. Sono una quindicina quelli deceduti nella struttura di Venaria Reale. Altri 17 a San Germano Chisone. Dovremmo ricordare anche i casi di Gassino, di Piossasco, di Chieri, di Sant'Albano Stura e tanti altri, perché tutti i decessi e malati debbono essere ricordati, nessuno escluso. La realtà è che i morti ci sono di nuovo.

Nonostante le visite dei parenti siano state sospese e il personale sottoposto a tampone, il virus è tornato a circolare per vari motivi.

E laddove non ci sono contagiati o vittime, insorgono altre problematiche importanti. Praticamente tutte le Rsa versano in una situazione economica drammatica. E’ in atto un’ emorragia da parte degli infermieri: lasciano il posto attratti dall'assunzione negli ospedali o perché ritengono troppo pericoloso continuare a lavorare nelle residenze per anziani. Inoltre i costi per la sanificazione e per la messa in sicurezza di queste strutture sono saliti alle stelle.

Più di un consigliere d’amministrazione di queste residenze mi ha esternato i suoi timori sul futuro. “Non sappiamo se riusciremo ad arrivare a fine anno. Non abbiamo i soldi per pagare gli stipendi e nemmeno per comprare cibo e medicinali”.

Non mi sto preoccupando solo dei bilanci di queste strutture, mi preoccupo del futuro dei nostri vecchi. Se le Rsa chiudono, mi chiedo che fine faranno i nostri papà, le nostre mamme, le zie, i nonni, insomma tutte quelle vite umane che non sono ferrivecchi, ma la nostra storia, la nostra memoria, una ricchezza, una risorsa e non un peso.

Beppe Gandolfo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium