/ Politica

Politica | 17 febbraio 2021, 18:00

In Piemonte oltre 15 mila tirocini sospesi o interrotti dal Covid

Prima della pandemia in Piemonte, gli stagisti erano circa 33 mila, la metà dei quali ha poi visto l’interruzione del rapporto

tirocinanti - foto di repertorio

in Piemonte oltre 15 mila tirocini sospesi o interrotti dal Covid

In Piemonte oltre 15mila tirocini sono stati sospesi o interrotti, tra marzo e maggio, causa Coronavirus. E migliaia di stagisti hanno sofferto le conseguenze di queste sospensioni e interruzioni, perdendo la loro fonte di reddito - l’indennità mensile - insieme alla possibilità di proseguire il proprio percorso formativo.

Un gruppo di ragazzi, riuniti nel gruppo “Stagisti in sospeso”, sono stati auditi dalla Terza commissione, presieduta da Claudio Leone. Prima della pandemia in Piemonte, gli stagisti erano circa 33mila, la metà dei quali ha poi visto l’interruzione del rapporto.

La possibilità di lavorare in ‘smart- internshipping’ non è stata resa operativa al momento in nessuno dei nostri casi e per alcuni di noi non sarebbe comunque applicabile. Oggi siamo a casa in attesa di poter riprendere i tirocini presso le aziende. Contestualmente alla sospensione del nostro tirocinio, come previsto dalla normativa, anche le indennità sono state sospese. Desideriamo, più di ogni altra cosa, di poter tornare a dare un contributo in presenza o in modalità smart” ha spiegato Chiara Collarà.

È importante chiarire le tempistiche di ripresa dei tirocini, comunicando con chiarezza quando gli stessi, sia curricolari sia extracurricolari, sospesi causa Coronavirus, potranno riprendere e a quali condizioni” ha sottolineato Edoardo Morana.

I due auditi hanno poi espressamente richiesto un sostegno economico da parte della Regione Piemonte agli stagisti che si sono visti interrompere o sospendere il tirocinio causa Coronavirus e per i quali non è stato possibile proseguire da casa. La maggior parte dei tirocini e relativi rimborsi è stata sospesa a marzo, la proposta è che il sussidio, un bonus di 800 euro una tantum, debba essere garantito per tutti coloro che stessero svolgendo un tirocinio con indennità di durata superiore alle 160 ore (un mese), indipendentemente dalla natura curricolare o extracurricolare del tirocinio. Su questo punto, sono state citate le iniziative già intraprese in merito da altre regioni quali Emilia Romagna, Toscana e Lazio.

Per chiedere delucidazioni sono intervenuti i consiglieri Monica Canalis Alberto Avetta (Pd), Marco Grimaldi (Luv) e Valter Marin (Lega).

"A distanza di un anno dall’inizio della pandemia, il Piemonte è ancora maglia nera per i ristori ai tirocinanti che hanno visto sospeso o interrotto il proprio tirocinio. A differenza di Lazio, Marche,  Emilia-Romagna, Toscana e persino Calabria, il Piemonte non ha erogato né contemplato alcuna forma di aiuto per questi lavoratori, per lo più giovani, sebbene nel 2019 fosse la terza Regione d’Italia per numero di tirocinanti. Occorre una misura ponte, che garantisca sostegno al reddito, per evitare la dispersione di questo capitale umano già formato. Il Pd proporrà uno stanziamento all’interno del bilancio di previsione 2021 di imminente approvazione»", hanno sottolineato Avetta e Canalis.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium