/ Cronaca

Cronaca | 02 marzo 2021, 19:27

Si estende la zona rossa nel torinese: da domani toccherà a Bricherasio e Scalenghe

La Regione chiuderà anche alcune zone del Cuneese: Valle Po e Valle Infernotto

Posto di blocco

Si allarga la zona rossa con le massime restrizioni per il contenimento della diffusione da Covid-19. A Bricherasio, Scalenghe, Valle Infernotto e Valle Po tocca la stessa sorte di Cavour.

La Regione, e nella fattispecie il Dirmei, il Dipartimento interaziendale Emergenze e malattie infettive, ha infatti valutato di stringere la morsa anche su altri 14 Comuni. Nel Cuneese quelli della Valle Po (Crissolo, Oncino, Ostana, Paesana, Sanfront, Rifreddo, Gambasca, Martiniana Po, Revello, Envie) insieme a Barge e Bagnolo, in Valle Infernotto, mentre nel Torinese a Bricherasio e Scalenghe, già finite sotto osservazione nei giorni scorsi.

L'inasprimento delle misure di contenimento sarà in vigore a partire dalle 19 di domani, mercoledì 3 marzo, fino a venerdì 12

La zona rossa innalza al massimo i provvedimenti: vietato ogni spostamento, anche all’interno del Comune, in qualsiasi orario, salvo che per motivi di lavoro, necessità e salute.

Così come sarebbero più stringenti le chiusure delle attività commerciali.

In questi Comuni è sospesa l’attività didattica nelle scuole di ogni ordine e grado ed è disposta la dad per gli studenti che vivono nell’area, ma frequentano le lezioni in altri comuni non inseriti in zona rossa. Previsto anche il potenziamento del tracciamento attraverso i tamponi e la messa in priorità per la vaccinazione degli anziani over80 domiciliati in zona rossa.

I 14 comuni si aggiungono a Cavour e ad altri 7 comuni della Val Vigezzo, nel Vco, già inseriti in zona rossa nei giorni scorsi, per un totale di 22 comuni in zona rossa in questo momento in Piemonte.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium