/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 08 aprile 2021, 14:42

Caritas Italiana e Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea insieme per CooperaDAD, il programma di credito sociale alle famiglie

Il progetto è rivolto ai nuclei familiari in difficoltà con figli in età scolare ed è finalizzato all’acquisto di strumenti per seguire la didattica (anche a distanza) e per evitare ogni forma di marginalizzazione

Caritas Italiana e Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea insieme per CooperaDAD, il programma di credito sociale alle famiglie

Il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea e la Caritas Italiana hanno siglato un accordo di collaborazione per realizzare CooperaDAD, il programma di credito sociale pensato per le famiglie vulnerabili con figli in età scolare che necessitano di strumenti per seguire la didattica, anche a distanza, volto a contrastare la povertà educativa e la marginalizzazione.

Grazie alla collaborazione con le Caritas Diocesane, che erogheranno anche servizi di tutoraggio e assistenza, le BCC del Gruppo Iccrea che aderiscono all’iniziativa potranno erogare i microprestiti finalizzati allo studio, nell’ambito del protocollo adottato da entrambe le realtà.

CooperaDAD, in piena sintonia con i valori fondativi del Credito Cooperativo, mira all’inclusione sociale, comprendendo in particolar modo le famiglie con difficoltà di natura economica o sociale, in molti casi accentuate per via della pandemia ancora in corso. Attraverso questa forma di microprestiti, che possono arrivare fino all’importo di 1.000 euro, le famiglie beneficiarie potranno acquistare il materiale scolastico ed elettronico necessario per seguire la didattica, in presenza e a distanza, per sostenere i giovani e le loro esigenze formative. Contestualmente, l’iniziativa prevede percorsi di educazione finanziaria dedicati alle famiglie, per fornire loro le leve informative necessarie e per affrontare e contrastare possibili fenomeni di sovra-indebitamento.

I finanziamenti erogati nell’ambito del programma potranno godere anche della garanzia di un fondo messo a disposizione da Fondosviluppo (il Fondo mutualistico costituito da Confcooperative e Federcasse), eventualmente anche ulteriormente alimentato dalle singole Caritas Diocesane e da altri soggetti pubblici e privati.

 

“In un anno la pandemia ha segnato in modo indelebile la vita delle persone in tutto il pianeta” – sottolinea mons. Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana, che poi aggiunge “in particolare è aumentato il peso delle famiglie con minori, delle donne, dei giovani che si sono rivolti ai centri Caritas. È necessario adesso ripartire proprio da loro dando il sostegno necessario perché nessuno resti indietro e i ragazzi possano fruire delle opportunità formative per indirizzare le loro energie a servizio della comunità, in un orizzonte di relazioni positive. Questo è l’obiettivo dell’accordo tra il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea e Caritas Italiana”.

“Come sappiamo il nostro Paese sta attraversando un momento di forte difficoltà – dichiara Giuseppe Gambi, Consigliere Delegato alla Sostenibilità di Iccrea Banca – e il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, fedele ai valori fondativi del Credito Cooperativo, è accanto a tutte le comunità dove c’è una BCC. Il futuro del nostro Paese dipende dall’istruzione dei giovani ed è importante che ciascuno faccia la propria parte. Grazie all’accordo con la Caritas, da sempre in campo nella lotta per l’inclusione sociale, vogliamo dare il nostro contributo offrendo alle giovani promesse di oggi la possibilità di crescere e formarsi adeguatamente”.

 

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium