/ Politica

Politica | 11 giugno 2021, 06:50

Primarie anti-Covid, sabato e domenica la sinistra sceglie chi dovrà fare il candidato sindaco

In corsa Boni, Lavolta, Lo Russo e Tresso. Novità 2021 il voto telematico

I quattro candidati alle Primarie

I quattro candidati alle Primarie

Quaranta seggi sparsi in tutta Torino, ognuno abbinato a diverse sezioni elettorali, oltre 400 volontari impegnati nei due giorni. E’ questa la macchina organizzativa delle Primarie, in programma sabato dalle 15 alle 20 e domenica dalle 8 alle 20. A contendersi il posto per il candidato sindaco del centrosinistra Igor Boni, Enzo Lavolta, Stefano Lo Russo e Francesco Tresso.

Novità 2021 il voto telematico

Novità del 2021 è che si potrà votare anche che online: a scegliere la modalità telematica sono stati 1.179 elettori.  Nei tradizionali gazebo allestiti nelle otto Circoscrizioni sarà presente un responsabile della logistica e sicurezza per ogni seggio, che avrà come compito anche quello di supervisionare il distanziamento, predisporre la cartellonistica anti Covid, far rispettare le regole igienico sanitarie, misurare la temperatura nei luoghi al chiuso, consegnare e ritirare i kit per la votazione.

Ogni seggio munito di plexiglass e gel sanificante

"Vogliamo che sia i volontari che i cittadini - sottolinea Saverio Mazza, coordinatore del Tavolo Organizzativo e di Garanzia delle primarie - si sentano in sicurezza. Ogni seggio sarà munito di plexiglas che divideranno i volontari dagli elettori, gel sanificante, prodotti per la sanificazione delle matite e dei tavoli”. “L'elettore - prosegue - dovrà solo firmare il registro e non compilare nulla, ovviamente tutto nel rispetto delle regole sul trattamento dei dati".

Carretta: "Chiamati a costruire una Torino dove far vivere i propri figli"

E dal punto di vista politico il Segretario Metropolitano Mimmo Carretta ha sottolineato come la base delle Primarie sono il “noi”, che dovrà incidere per i prossimi decenni della vita della nostra comunità. È un “noi” dal respiro lungo, è il “noi” che determinerà la Torino del futuro che vogliamo, prima di tutto, essere una città inclusiva e capace di attrarre qui persone, risorse, investimenti, cultura, vita”.  “Noi”  - ha aggiunto - saremo chiamati a costruire una città dove chiunque vorrebbe vivere e nella quale vorrebbe far vivere i propri figli”.

Si vota con 2 euro, carta di identità e certificato elettorale

Alle consultazioni del 12 e 13 giugno possono partecipare i cittadini italiani e stranieri, con regolare permesso di soggiorno se extra Ue, residenti nel territorio comunale e che abbiano compiuto 16 anni. Confermato il contributo di una quota di almeno 2 euro.  Per votare è necessario presentare un documento di identità che attesti la residenza nel Comune di Torino, oltre alla tessera elettorale attestante la sezione abbinata al seggio.

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium