Leggi tutte le notizie di BACKSTAGE ›

Politica | 14 giugno 2021, 14:15

Marrone: "In Piemonte agenti feriti in servizio esentati dai costi delle spese mediche fino alla guarigione"

Un'iniziativa regionale che pone "rimedio all'assurda norma nazionale che non garantisce la copertura assicurativa INAIL ai ragazzi in divisa

Marrone: "In Piemonte agenti feriti in servizio esentati dai costi delle spese mediche fino alla guarigione"

"Da oggi in Piemonte gli agenti feriti in servizio saranno esentati dai costi delle prestazioni mediche fino alla completa riabilitazione". Ad annunciarlo è l'assessore regionale alla Semplificazione Maurizio Marrone, promotore della delibera approvata questa mattina dalla Giunta regionale.

E l'esenzione, come chiarito dall'esponente di FdI, sarà valida "sino alla chiusura dell’infortunio stesso e per la durata di 180 giorni dall’evento traumatico. Inoltre, in assenza di guarigione entro il termine, potrà comunque essere rilasciato un nuovo certificato medico" che prolungherà così la prognosi.

Un'iniziativa, come spiega l'esponente della giunta Cirio, che pone "rimedio all'assurda norma nazionale che non garantisce la copertura assicurativa INAIL ai ragazzi in divisa. Un modo concreto per dimostrare il nostro sostegno a poliziotti, carabinieri, finanzieri, vigili del fuoco, militari delle forze armate e agenti di polizia locale, restando al loro fianco anche nel caso le cure si protraggono e vi sia necessità di sedute di fisioterapia o eventuali prestazioni di specialistica ambulatoriale".

"Grazie al lavoro svolto con i sindacati della polizia di stato, Siulp, SAP, Fsp, Coisp, siamo riusciti a fare in modo che gli agenti che si feriscono in servizio mentre compiono il loro dovere siano esentati dal pagare il ticket sanitario", commenta l'assessore regionale alla Sicurezza Fabrizio Ricca. "La tutela degli uomini e delle donne che combattono la criminalità in strada non deve rimanere vuota retorica ma si deve tradurre in sostengo effettivo per queste divise che ci proteggono e che stimiamo".

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium