/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 16 ottobre 2021, 11:28

Autotrasporto merci, Confartigianato storce il naso sul Green Pass: "Penalizza le imprese italiane"

Gli autotrasportatori provenienti dall'estero infatti non devono avere la certificazione verde. A livello regionale sono 6.259 le imprese artigiane di trasporti e logistica (3.221 nella provincia di Torino) che danno lavoro a 4.531 dipendenti assunti e 12mila addetti 

Autotrasporto merci, Confartigianato storce il naso sul Green Pass: "Penalizza le imprese italiane"

Mezzi di trasporto in tangenziale

Confartigianato Torino ritiene ingiusta e discriminatoria l’interpretazione congiunta fornita dai Ministeri delle Infrastrutture e della Salute, con cui si precisa che gli autotrasportatori provenienti dall’estero possono liberamente circolare senza green pass, a condizione che le operazioni di carico/scarico siano effettuate da altro personale.

Per la categoria è inaccettabile che il Governo preveda un regime alternativo sulla normativa del green pass ad unico vantaggio delle imprese estere.

Smentiamo con forza - afferma Dino De Santis, Presidente di Confartigianato Torino - quanto afferma la nota dei Ministeri in merito alla condivisione di tale decisione a seguito delle interlocuzioni con le associazioni di categoria e le organizzazioni sindacali, respingendo totalmente al mittente ogni tentativo di strumentalizzazione sul tema Green Pass per il quale tanto ci siamo adoperati. Avevamo richiesto a gran voce soltanto chiarezza applicativa per la peculiare attività lavorativa dei trasportatori e medesima applicazione delle regole a tutti gli operatori senza alcuna distinzione basata sulla nazionalità. Al contrario, con tale palese discriminazione per gli autotrasportatori italiani, il Governo favorisce la concorrenza sleale attraverso il dumping sociale degli esteri indebolendo le misure di tutela della salute pubblica in materia anticovid. Nessuna logica sanitaria quindi alla base della scelta del Governo e un incredibile auto-dumping nei confronti dei propri operatori nazionali.

 

È vergognoso -conclude De Santis - che tutto ciò sia avvenuto il giorno prima dell’entrata in vigore dell’obbligo di green pass anche nei luoghi di lavoro privato, contribuendo così ad aumentare incertezze, preoccupazione e difficoltà tra imprese ed operatori. I trasportatori di Confartigianato Torino chiedono fermamente che venga rivista la nota ministeriale e che siano garantite, anche per le imprese estere, le medesime condizioni applicate”.

Comunicato Stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium