/ Cronaca

Cronaca | 21 gennaio 2022, 16:39

Carceri, la denuncia dell'Osapp: "Preoccupa l'eccezionale aumento dei casi di Covid nella popolazione detenuta"

Il segretario generale del sindacato, Beneduci: "Crescono le tensioni interne che determinano intemperanze e violenze spesso in danno del personale, soprattutto nelle sedi di maggiore rischio come per esempio Torino"

Carceri, la denuncia dell'Osapp: "Preoccupa l'eccezionale aumento dei casi di Covid nella popolazione detenuta"

"Benché si tratti per lo più di casi asintomatici o con disturbi di lieve entità, l'eccezionale aumento, in soli 20 giorni, delle positività da Covid19 nelle popolazione detenuta nelle carceri italiane non può che destare estrema preoccupazione per le conseguenze che tale situazione determina nel funzionamento e persino nella sicurezza delle infrastrutture penitenziarie e, di riflesso, per grave disagio lavorativo che in questo momento stanno vivendo gli addetti del Corpo di Polizia Penitenziaria impiegati nelle sezioni detentive ed a stretto contatto con la popolazione detenuta, con turni di servizio di oltre 12 ore consecutive con ferie e riposi rinviati sine die". E' quanto si legge in una nota a firma di Leo Beneduci, segretario generale dell'OSAPP (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria).

"Si è infatti passati – prosegue il sindacalista – dai 463 casi del 27 dicembre 2021 ai 2625 casi del 17 gennaio 2022 (+466%) ed in soli 3 giorni i casi dichiarati al 20 gennaio 2022 sono diventati 3287, ovvero un ulteriore + 25% in soli 3 giorni a dimostrazione che, a differenza di quanto sta avvenendo sul territorio, la pandemia in carcere è tutt’altro che sotto controllo come invece e fortunatamente risulterebbe per il personale che opera negli istituti di pena, nella stragrande maggioranza di Polizia Penitenziaria, passato da 1646 casi di positività al 17 gennaio 2022 ai 1670 casi il 20 gennaio 2022. Come OSAPP, proprio perché nella situazione indicata, a fronte del grave sovraffollamento detentivo e dell’endemica e gravissima carenza di poliziotti penitenziari, nelle carceri italiane si deve comunque provvedere ogni giorno a centinaia di separazioni tra i soggetti positivi e l’ulteriore utenza detentiva nell’ambito di istituti di pena di conclamata vetustà, privi di ulteriori spazi e persino di servizi igienici in idonee condizioni, le crescenti tensioni interne determinano intemperanze e violenze spesso in danno del Personale, soprattutto nelle sedi di maggiore rischio quali quelle di Napoli, Roma, Firenze e Torino".

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium