/ Politica

Politica | 16 marzo 2023, 10:54

Cirio e Lo Russo scrivono ai vertici Rai: "Preoccupati dai tagli: aspettiamo un incontro da 3 mesi e mezzo"

A preoccupare è soprattutto la situazione del Centro di Produzione, che in 10 anni ha perso la metà dei lavoratori

rai torino - foto di archivio

Dopo 3 mesi e mezzo ancora nessuna risposta a Lo Russo e Cirio sul futuro della Rai a Torino

Dopo i sindacati, la Rai di Roma "snobba" anche il Comune di Torino e la Regione Piemonte. Dopo tre mesi e mezzo di attesa senza risposta, oggi il sindaco Stefano Lo Russo e il governatore Alberto Cirio hanno scritto una lettera all'amministratore delegato Rai, Carlo Fuortes, esprimendo le loro preoccupazioni e per chiedere un incontro sul futuro dei siti torinesi. La situazione più critica è quella del Centro di Produzione di via Verdi. Se fino a dieci anni fa qui vi lavoravano circa 600 persone, ad ottobre 2022 erano appena 299. Tutto personale altamente qualificato, dagli scenografi, ai montatori, ai costumisti e truccatori. 

Criticità per via Cavalli e corso Giambone

Uomini e donne che negli ultimi mesi sono stati spostati "di forza" a Milano e Roma: l'ultimo caso in ordine di tempo riguarda la trasmissione "Stasera c'è Cattelan". Le riprese di quest'ultima sono iniziate a settembre a Torino, ma da gennaio 2023 tutto è stato trasferito nel capoluogo lombardo, lavoratori compresi. Criticità, come rilevano Lo Russo e Cirio, anche "per gli uffici in locazione in via Cavalli, nonché incertezza sui locali di corso Giambone". 

"Preoccupazione a livelli istituzionali" 

Il rischio – rimarcano il sindaco e il presidente - di un ridimensionamento della RAI sul nostro territorio suscita una profonda preoccupazione anche ai livelli istituzionali, oltre che tra i lavoratori". "Siamo convinti – sottolineano - che la RAI debba e possa avere un ruolo di primo piano nello sviluppo del territorio torinese e piemontese valorizzando le consolidate esperienze e professionalità che vanno dalla Produzione Radio e Tv, al dipartimento di Ricerca, Sviluppo ed Innovazione, dall’Orchestra Sinfonica alle Direzioni amministrative e tecnologiche fino al consistente patrimonio immobiliare rappresentato dalle stesse vostre sedi".

Cinzia Gatti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium