/ Attualità

Attualità | 17 marzo 2023, 19:23

Un campo nuovo di zecca per la stagione dell'hockey su prato made in Torino che riparte

Inaugurato l'impianto di corso Tazzoli 78 che ospiterà le gare interne della squadra maschile della HCU Rassemblement e quella femminile della Torino Universitaria

hockey su prato torino

Un campo nuovo di zecca per la stagione dell'hockey su prato made in Torino che riparte

Un movimento in continua crescita, in grado di trovare a Torino la propria casa italiana dove continuare a svilupparsi: stiamo parlando dell'hockey su prato, che da oggi potrà contare su un campo nuovo di zecca. Questa mattina, infatti, è stato inaugurato l'impianto sportivo di corso Tazzoli 78, rinnovato grazie a importanti investimenti della Regione Piemonte e della Città di Torino, che ospiterà le gare interne della squadra maschile della HCU Rassemblement e quella femminile della Torino Universitaria – CUS Torino.

Il nuovo campo da hockey su prato

Per chi ha nel cuore questa disciplina, il nuovo terreno di gioco rappresenta un vero e proprio orgoglio, se non addirittura un vanto: "Stiamo parlando – ha commentato il direttore sportivo dell'HCU Rassemblement Oscar Serra – di un campo sintetico top class, che sostituisce il vecchio manto durato 20 anni e ormai completamente logoro: per noi si tratta di una vera e propria rinascita in grado di sottolineare i risultati importanti ottenuti in questi anni. Non dobbiamo tralasciare nemmeno il suo valore sociale, perché tanti ragazzi che giocano a hockey abitano nelle vicine case popolari di Mirafiori". "Questa inaugurazione - ha aggiunto il presidente del CUS Riccardo D'Elicio – è il frutto di una volontà politica ben precisa, perché si è deciso di investire su un campo da hockey su prato invece che su campi da padel o da calcetto".

Un movimento che può ancora crescere

Visti i numeri, Torino è un punto di riferimento di assoluto valore per la disciplina: "Nel solo territorio della provincia – ha sottolineato il presidente regionale della Federazione Italiana Hockey Stefano Ferrero – l'hockey su prato può contare su 350 tesserati tra maschile, femminile e settore giovanile, a cui vanno ad aggiungersi circa 10mila bambini delle oltre 100 scuole che hanno deciso di proporlo durante l'orario di lezione. Viste le premesse, la città può diventare la base per un'espansione del movimento che arrivi ad abbracciare tutto il Piemonte, facendo nascere nuove scuole che poi siano in grado di proseguire da sole".

Il contributo delle istituzioni

Come anticipato, decisivo è stato il contributo delle istituzioni: "Quello che avevamo promesso 3 anni fa - ha dichiarato l'assessore allo sport della Regione Fabrizio Ricca – da oggi è disponibile: crediamo nel valore dello sport e dell'impiantistica, per questo continueremo a investire anche per riqualificare le strutture obsolete. Con questo miglioramento, gli hockeysti su prato da 300 possono diventare 600, facendo diventare questo sport ancora più popolare". "Grazie alle istituzioni - gli ha fatto eco il pari grado della Città Domenico Carretta – è stato possibile restituire questo campo, rendendo completa una struttura già straordinaria: è molto importante valorizzare lo sport e, per questo, ci aspettiamo grandi risultati".

I campionati al via

Stanno per ripartire, nel frattempo, i campionati, con la squadra maschile impegnata nel torneo di A2 e quella femminile nel torneo d'Elite: la prima potrà contare sugli innesti del pakistano Rizwan Muhammad, olimpionico a Londra 2012, e sul campione del mondo under 21 con l'Argentina Agustin Cabana.

Marco Berton

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium