/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 20 giugno 2023, 10:10

Imprese, quando l’apprendistato fa rima con assunzioni: il Piemonte è al secondo posto in Italia

Sono oltre 29 mila i giovani piemontesi assunti a tempo indeterminato nel 2022 dopo aver avuto un contratto di apprendistato

Imprese, quando l’apprendistato fa rima con assunzioni: il Piemonte è al secondo posto in Italia

Imprese, quando l’apprendistato fa rima con assunzioni: il Piemonte è al secondo posto in Italia

In Piemonte continua il rapporto virtuoso tra apprendistato e imprese. Lo scorso anno, infatti, 29.236 giovani piemontesi sono entrati nel mondo del lavoro con questo particolare contratto su un totale di 198.714 nuove assunzioni a tempo indeterminato. Tale dato pone la nostra regione al secondo posto nazionale. In testa l’Umbria dove si contano 17,6 nuovi rapporti di apprendistato ogni cento nuovi rapporti attivati per under 30; segue il Piemonte con 14,7 contro la media nazionale del 10,7%.

 

Secondo l’indagine dell’Ufficio Studi di Confartigianato, sui dati INPS, nel 2022 in Piemonte si sono contate 14,7 nuove assunzioni con l’apprendistato ogni 100 nuovi rapporti attivati.

 

livello provinciale, la migliore delle province piemontesi è Torino con 16.382 assunzioni con apprendistato (15,2 assunzioni ogni 100); segue Cuneo con 5.440 (18,1), Alessandria con 2.074 (13,1), Novara con 1.667 (9,2), Asti con 1.383 (20,9), Biella con 877 (15,1), Verbano con 734 (9,9), Vercelli 669 (10,2).

 

Per ciò che riguarda la formazione del personaleil 24,6% delle aziende piemontesi (8a posizione in Italia) ha provveduto a istruire e aggiornare i propri dipendenti facendoli partecipare a specifici percorsi formativi, contro una media italiana del 22,4%. Per ciò che concerne i tirocini, il 17% delle realtà piemontesi ha ospitato una o più persone (media nazionale 12,5%); sul totale l’11,6% dei tirocinanti è dato dall’alternanza scuola-lavoro. 

 

“In Piemonte bisogna continuare a puntare sull’apprendistato per preparare i giovani ad entrare nel mondo del lavoro – sottolinea Giorgio Felici, Presidente di Confartigianato Piemonte – è necessario rilanciare questa “palestra” nella quale i giovani studiano e lavorano, anche per soddisfare le esigenze di un mondo che richiede competenze tecniche evolute imposte anche dalla rivoluzione digitale”.

 

In ogni caso, in Piemonte, nonostante la cronica mancanza di lavoro, tante attività faticano a trovare figure professionali formate e preparate ovvero cresce sempre di più la necessità di figure professionali qualificate da inserire nelle imprese: se nel 2022 la quota mancante di manodopera specializzata era del 41,9%, nel 2023 la carenza si attesterà al 48,3%, con una crescita del 6,4%. Tra le imprese artigiane la difficoltà di reperimento di manodopera in Piemonte e Val D’Aosta è del 47,7%.

 

Insomma, il lavoro ci sarebbe ma i posti rimangono liberi a causa del ridotto numero di candidati, per l’inadeguatezza professionale degli aspiranti e per altre “generiche motivazioni”.

Manca di tutto: da chi opera nell’ambito digitale e ICT, come i progettisti di software, gli amministratori di sistema, gli analisti e i tecnici programmatori, passando per gli autisti di camion, gli operai edili specializzati in risparmio e riqualificazione energetica, gli elettricisti, i meccanici, i meccatronici e i riparatori di autoveicoli, gli idraulici, i saldatori, gli assemblatori e cablatori di apparecchiature elettriche senza dimenticare gli estetisti, gli acconciatori e i cuochi.

 

Inoltre, nel 2022 le imprese piemontesi hanno impiegato in media 3,3 mesi con i tempi allungatisi fino a 4,7 mesi per gli operai altamente specializzati anche se per migliaia di altre figure altamente professionalizzate occorre oltre 1 anno di ricerca.

 

Nella nostra regione ormai siamo al paradosso: il lavoro ci sarebbe, la possibilità di assumere anche ma mancano le figure professionali adatte – continua Felici – la realtà è che gli imprenditori hanno necessità, per la loro azienda, esclusivamente di personale adeguatamente formato e pronto a operare in tutti i settori.  Per questo il Piemonte che produce non potrà mai esprimere tutto il suo potenziale se non si allineeranno i percorsi formativi alle esigenze delle aziende e se non si favorirà l’inserimento dei giovani nelle imprese artigiane. C'è una sottovalutazione del lavoro manuale rispetto a quello intellettuale. Si deve riconoscere il prestigio liceale anche agli istituti tecnici, come in Francia. È una questione di mentalità”.

 

“Per mantenere allineata la qualità dell’offerta e della domanda di lavoro – conclude Felici – una soluzione è quella di rendere lo strumento dell’apprendistato più appetibile dal punto di vista del costo del lavoro a carico dell'impresa, soprattutto al termine del percorso di apprendistato laddove ci sia l'assorbimento in azienda del giovane. Un’altra è il consentire la valorizzazione del ruolo del maestro artigiano, l’unico in grado di trasferire al giovane le conoscenze e competenze utili per una corretta qualificazione professionale. Ma, il lavoro nelle imprese lo si crea, e lo si conserva, anche grazie a incentivi e contributi che devono essere erogati con una minima burocrazia e tempi certi”.

Comunicato Stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium