/ torinoggi.it

Che tempo fa

Cerca nel web

torinoggi.it | venerdì 12 ottobre 2018, 09:43

Paolo Carta porta sul palcoscenico di Le Musichall "Vita"

Una performance visiva unica nel suo genere, venerdì 19 e sabato 20 ottobre

Paolo Carta porta sul palcoscenico di Le Musichall "Vita"

Venerdì 19 e sabato 20 ottobre il teatro Le Musichall ospita Paolo Carta con il suo spettacolo Vita, uno degli imperdibili della stagione teatrale.


Una performance visiva unica nel suo genere, in cui alle ambientazioni e atmosfere che nascono dalle mani dell’artista, attraverso la sand painting, si uniscono le ombre cinesi plasmate dai corpi di agili ballerini. Il risultato è un’esperienza emozionante e magica.


Quello che appare come un universo immaginato ed effimero si costruisce poco per volta sotto i nostri occhi diventando invece reale, autentico.  


I disegni di Paolo Carta, realizzati con la sabbia, ‘vivono’ e sono in continua metamorfosi grazie a ‘corpi danzanti’ che con la tecnica delle ombre cinesi rendono vero quel mondo sognato.

Davanti agli occhi del pubblico appaiono così scene di vita quotidiana e paesaggi metropolitani, storie d’amore che sbocciano in romantici matrimoni, ma anche viaggi e avventure in città bellissime e gite domenicali allo zoo per ammirare elefanti e giraffe: nascono così in pochi istanti storie che incantano, con poesia e fantasia, il pubblico di ogni età.


Paolo Carta è un artista eclettico che studia sin da piccolo musica, danza, recitazione, illusionismo e arte sotto molteplici forme. Dei suoi spettacoli è interprete, produttore, regista, curando ogni aspetto, dalla scelta musicale, alla scenografia, alla regia.

È performer in molteplici arti visive e nel 2012 inventa la forma d’arte Sandow, ovvero la fusione tra disegni con la sabbia e ombre cinesi fatte con il corpo di ballerini, che porta sul palcoscenico de Le Musichall con Vita.


Ha ricevuto numerosi premi internazionali per i suoi spettacoli e dal 2011 al 2017 è stato Direttore Artistico di Gardaland.

Info su www.lemusichall.com

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore