/ Cronaca

Cronaca | 09 settembre 2019, 07:40

Lattine e cocci di bottiglia nei giardini dei bimbi: in via Cecchi l'area giochi è in mano agli ubriachi

Un tappeto di vetro a due passi da scivoli e altalene: i residenti chiedono a gran voce il ripristino del decoro e della legalità

Lattine e cocci di bottiglia nei giardini dei bimbi: in via Cecchi l'area giochi è in mano agli ubriachi

C’è un’area giochi di Torino dove le altalene per i bimbi e le panchine per i nonni e genitori “convivono” con sporcizia, lattine di birra e cocci di bottiglia. E’ il giardino di via Cecchi, all’angolo con via Piossasco. Un perfetto esempio di degrado in periferia in cui gli ubriachi si sono presi l’area adibita a tutt’altra funzione.

L’area giochi all’interno della Circoscrizione 7 infatti, inaugurata nel dicembre del 2011, non è mai stata così sporca e abbandonata al proprio destino. Il “tappeto di vetro”, conseguenza delle tante bottiglie vuote gettate per terra, è molto pericoloso per i bambini che frequentano quegli spazi: basterebbe infatti una semplice caduta per farsi piuttosto male.

La situazione è stata denunciata su Facebook dai residenti della zona, che hanno ricordato con nostalgia gli antichi fasti del passato, quando il giardino era un punto di ritrovo per i giovani torinesi. Oggi dell’area giochi di via Cecchi rimane un’immagine triste: quella di un’area giochi per bambini finita in mano agli ubriachi. La speranza, che vista la rabbia dei post sui social assume più la forma di una richiesta, è quella che il Comune, Amiat e le forze dell’ordine trovino al più presto una soluzione per ripristinare pulizia, legalità e decoro nel giardino Cecchi.

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium