/ Politica

Politica | 23 ottobre 2019, 17:38

Per un'Europa più vicina agli enti locali

È la volontà emersa durante l’incontro che si è svolto a Palazzo Lascaris fra Michele Mosca, Davide Rigallo e alcuni rappresentanti dell’Istituto universitario di studi europei

Per un'Europa più vicina agli enti locali

Potenziare l’impegno della Consulta regionale europea a supporto degli enti locali per favorire il loro accesso ai fondi europei. È la volontà emersa durante l’incontro che si è svolto a Palazzo Lascaris fra Michele Mosca, componente dell’Ufficio di presidenza delegato alla Consulta europea, Davide Rigallo segretario regionale Aiccre (Associazione italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa)  e alcuni rappresentanti dell’Istituto universitario di studi europei (il presidente Pier Carlo Rossi, il professor Giuseppe Porro e il professor Michele Vellano).

“Esprimo grande soddisfazione per l'esito dell'incontro odierno poiché traspaiono la competenza e la concretezza degli attori coinvolti nel progetto di formazione rivolto agli Enti locali”, ha affermato il consigliere Michele Mosca. “E' mia intenzione fornire ai comuni piemontesi uno strumento utile a comprendere l'importanza che rivestono i fondi europei e soprattutto attraverso i corsi che andremo a finanziare dal prossimo anno dar loro la possibilità di accedervi attraverso i bandi per  realizzare progetti utili ai territori”.

L’ampia adesione a livello locale ha infatti confermato il successo dell’attività formativa rivolta agli amministratori e ai funzionari degli enti locali, già sperimentata e condotta da Iuse e Consiglio regionale, e poi estesa anche all’imprenditoria con la collaborazione di Aiccre.

“Altro aspetto su cui andremo ad investire è la "summer school" realizzata in collaborazione con il Campus Luigi Einaudi che ci permette di mettere in contatto la richiesta proveniente dalle imprese piemontesi e l'offerta di giovani laureati che dopo il percorso universitario necessitano di un'alta formazione con competenze trasversali per essere immediatamente pronti a confrontarsi con il mondo lavorativo aziendale”, ha aggiunto Mosca. “Ritengo sia un bel modo di dare una opportunità ed una speranza ai nostri giovani per restare in Piemonte e contribuire attivamente allo sviluppo imprenditoriale ed economico della nostra Regione”.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium