/ Cronaca

Cronaca | 08 novembre 2019, 18:07

Non rispettava la normativa regionale sulle slot, gestore di una sala scommesse multato per 28 mila euro

Trovate dai vigili urbani 14 apparecchiature che non rispettavano il divieto di installazione a una distanza inferiore a 500 metri da luoghi sensibili

Non rispettava la normativa regionale sulle slot, gestore di una sala scommesse multato per 28 mila euro

A seguito di numerose segnalazioni di cittadini residenti, a tutela del consumatore e al fine di contrastare il disturbo generato dagli avventori di esercizi pubblici e l’utilizzo di macchinette installate illecitamente all'interno di locali di somministrazione, sono stati organizzati alcuni interventi congiunto tra Agenti del V Comando Polizia Municipale Comando Borgo Vittoria/Madonna di Campagna/Vallette/Lucento e il Commissariato Madonna di Campagna della Polizia di Stato.

E' stata controllata una sala raccolta scommesse di via Colautti. Sono state trovate 14 apparecchiature videogioco che, nella circostanza, non rispettavano i limiti imposti dalla normativa regionale che prevede il divieto di installazione di apparecchi per il gioco lecito a una distanza inferiore a 500 metri da luoghi sensibili quali scuole, luoghi di culto, istituti di credito e sportelli bancomat.

A seguito di quanto accertato, il gestore del locale, di nazionalità romena, è stato sanzionato amministrativamente ai sensi art. 11 c.1 in rel. art. 5 c.1 Legge Regionale 9/16 per un totale di 28.000 euro (cioè 2000 euro per ognuna delle 14 macchinette installate) e gli apparecchi videogioco sono stati posti sotto sequestro amministrativo e sottratti alla materiale disponibilità di altri avventori. 

Nella serata di mercoledì 6 novembre è stata controllata un'attività artigianale di vendita kebab in via Chiesa della Salute. Nel corso del controllo gli Agenti hanno trovato due sacchi neri contenenti all'interno 32 sacchetti di melanzane e peperoni, custoditi in involucri non conformi all'interno di un frigo-congelatore, in modalità non idonee a una corretta conservazione dei cibi e pericolosa per la salute pubblica.

Per quanto accertato il titolare dell'esercizio, cittadino di nazionalità turca, è stato deferito all'Autorità Giudiziaria ai sensi dell'art. 5 lettera B) Legge n. 283/1962 per il reato di alimenti in cattivo stato di conservazione detenuti per la somministrazione.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium