/ Attualità

Attualità | 18 novembre 2019, 09:30

I ragazzi di CasaOz realizzano i magneti in piemontese per M**Bun

La collaborazione rientra nel progetto “Un posto anche per te. Il lavoro che cura in un sistema di possibilità integrate”

I ragazzi di CasaOz realizzano i magneti in piemontese per M**Bun

La manualità e il sociale si incontrano all'insegna della filosofia " slow fast food". Sono stati presentati al M**Bun di via Rattazzi, a Torino, i magneti realizzati da dieci ragazzi di CasaOz durante l'anno 2018/19, con l'aiuto della ceramista Simona Panetta. Colorate creazioni che riprendono i colori del brand, giallo e rosso, e riportano alcune tipiche espressioni piemontesi usate nella catena di ristoranti piemontesi. 

L’attività rientra nel progetto “Un posto anche per te. Il lavoro che cura in un sistema di possibilità integrate”, che CasaOz porta avanti per dare risposte concrete ai bisogni dei giovani assistiti e delle loro famiglie. Sostenendo da oltre dodici anni bambini e ragazzi con situazioni di malattia e disabilità, negli ultimi tempi l'associazione ha infatti sviluppato progettualità specifiche rivolte all’accompagnamento degli adolescenti verso la maggiore età.

In particolare, il progetto vuole aiutare i disabili, tra i 18 e i 25 anni, a sviluppare capacità alternative, dando vita a qualcosa di concreto con le proprie mani e trovando un posto nel mondo mediante attività pratiche. Oltre alla lavorazione della ceramica, sono stati inclusi laboratori di cucina, cucito, teatro e giardinaggio che hanno permesso a ciascuno di misurarsi in campi differenti. Con alcune aziende, come M**Bun, è stata avviata una vera e propria collaborazione, per permettere ai giovani di misurarsi con un ambiente produttivo che richieda qualità di esecuzione e rispetto dei tempi. Un primo affaccio sul mondo del lavoro che li fa sentire realmente "adulti" e responsabili.

I magneti sono in vendita - con un'offerta libera di minimo 5 euro - presso tutti i punti M**Bun a Torino e Rivoli. Il ricavato contribuirà a finanziare le attività di CasaOz per il nuovo anno 2019/20. 

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium