/ Il Punto di Beppe Gandolfo

In Breve

lunedì 02 dicembre
lunedì 25 novembre
lunedì 11 novembre
lunedì 04 novembre
lunedì 28 ottobre
lunedì 21 ottobre
lunedì 14 ottobre
lunedì 07 ottobre
lunedì 30 settembre
lunedì 23 settembre

Il Punto di Beppe Gandolfo | 18 novembre 2019, 07:00

Troppi cinghiali: è vera emergenza

Un’esplosione di ungulati che potrebbe considerarsi un’ emergenza nazionale, se vogliamo aggiungere i danni all’ agricoltura

Troppi cinghiali: è vera emergenza

Ogni anno in Italia 10mila incidenti stradali sono causati da animali selvatici. In Piemonte 1200 all’ anno, con tendenza ad aumentare e, purtroppo, spesso con morti e feriti.

Nella sola provincia di Cuneo sono circa 200, ogni anno, gli incidenti causati da cinghiali. Ad Alba, l’estate scorsa, c’è scappato pure il morto, in tangenziale: d’ improvviso un 59enne davanti alla sua auto si è ritrovato un branco di un cinghiali, la sbandata, la vettura fuori strada, il decesso.

Un’esplosione di ungulati che potrebbe considerarsi un’ emergenza nazionale se vogliamo aggiungere i danni all’ agricoltura: l’ anno scorso ammontano a quasi un milione di euro i danni arrecati alle coltivazioni nella sola provincia di Cuneo. Senza tener conto che la maggioranza degli agricoltori nemmeno denunciano le devastazioni, limitandosi alle bestemmie…

In Italia i cinghiali sarebbero circa 2milioni e ormai li troviamo anche in città, la settimana scorsa in via Ormea, dietro Porta Nuova, a Torino. Va chiarito subito che questo proliferare non è soltanto frutto di Madre Natura, ma anche della mano dell’ uomo. Quanti gli allevamenti, anche clandestini, sono sorti come funghi, nei decenni passati, nelle nostre campagne e in montagna. Per non parlare dei vari piani di ripopolamento. E adesso si deve correre ai ripari.

Secondo un sondaggio della Coldiretti, 8 italiani su 10 (l’ 81 per cento) sono favorevoli a piani di abbattimento. Ma c’è la ferrea opposizione delle tante associazioni animaliste. Almeno si proceda a interventi di sterilizzazione di massa. C’ è contrarietà anche su questo? Beh, qualcosa bisognerà pur fare, altrimenti ce li troveremo ovunque e sempre più aggressivi. E’ un problema di pubblica sicurezza e di difesa del nostro patrimonio agroalimentare. Tutto il resto è frutto di banali sentimentalismi e ragionamenti fatti solo con i paraocchi.

Beppe Gandolfo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium