/ Politica

Politica | 22 marzo 2020, 16:28

Coronavirus, l'allarme degli infermieri: "Sulle mascherine i privati riescono dove non riesce l'Unità di crisi. Come è possibile?"

Anaao Assomed Piemonte incalza le istituzioni: "I dispositivi scarseggiano e gli operatori si ammalano. Ma se c'è chi riesce a procurarsi mascherine, come possono i cittadini arrivare dove non riesce la Regione?"

Coronavirus, l'allarme degli infermieri: "Sulle mascherine i privati riescono dove non riesce l'Unità di crisi. Come è possibile?"

"I privati cittadini riescono dove l’Unità di crisi non arriva. Disorganizzazione inaccettabile. Non si può affidare la tutela degli operatori solo a opere benefiche". E' il messaggio di Anaao Assomed Piemonte, la sigla che rappresenta l'associazione medici dirigenti, alla luce della situazione di fronte all'emergenza Coronavirus.

"L’unità di crisi non funziona - aggiungono -. Nonostante il cambio al vertice, la

sostanza è sempre la stessa. Le maschere scarseggiano. Scarseggiano significa che i rianimatori intubano senza FFp3 , che i medici dei reparti COVID tengono le stesse

maschere FFp2 per 48-72 ore , che le maschere chirurgiche fino ad oggi mancano negli ambulatori del territorio. Scarseggiano significa che gli operatori contraggono l’infezione e si ammalano. Mancano i caschi Cpap, mancano i ventilatori. E di queste carenze abbiamo testimonianze scritte, comprovate e agli atti. Ci risulta però che un privato del Vercellese abbia acquistato numerose mascherine e alcuni caschi per Cpap, che sta distribuendo ai sanitari. E come lui altri generosi donatori.

Come possono i comuni cittadini arrivare laddove non riesce la Regione?".

"I quantitativi che i privati possono importare sono limitati, la dogana li blocca se eccessivi, proprio per favorire le richieste ufficiali delle ASL. Ma queste richieste non arrivano. Cosa sta facendo l’Unità di crisi? I vertici dell’ assessorato ci hanno detto di aver fatto l’ impossibile per procurare i DPI, ma non è così. I funzionari regionali o gli incaricati dell’ approvvigionamento di materiali evidentemente non sono in grado di gestire i rifornimenti".

"Le mascherine sul mercato si trovano, l’unità di crisi deve individuare un canale di importazione, deve organizzarsi, coordinarsi con le Asl e comprarle. Avrebbe dovuto farlo da due settimane. Ogni giorno muoiono pazienti e si infettano operatori . Bisogna agire subito: cosa si aspetta ad acquistare i DPI, i ventilatori e le CPap? Se riescono i privati ancor di più dovrebbe riuscirci la Regione. E’ indispensabile che chi lavorava agli uffici acquisti sia operativo 7/7 , che agisca con urgenza, non come se dovesse acquistare i toner per le fotocopiatrici. Ci sono troppi vincoli burocratici per i rifornimenti, troppe regole di acquisto, assenza di lista fornitori condivisa. Si deve immediatamente derogare al pagamento a 180 giorni della Regione. Che salti tutta la burocrazia, subito. La distribuzione delle scorte acquistate dalla Protezione Civile nazionale deve essere più agile, non perdersi in lungaggini".

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium