/ Attualità

Attualità | 13 dicembre 2017, 10:01

Sicurezza del Mediterraneo: a Parigi l'unico italiano del 5+5 è un torinese

Martedì 12 dicembre si è tenuto l'incontro tra i ministri della Difesa di Italia e Francia per il cambio della presidenza di un'iniziativa nata 13 anni fa e che coinvolge 5 Paesi della riva Nord del Mediterraneo e 5 di quella a Sud. Claudio Bertolotti è l'unico componente nostrano del gruppo di lavoro

Sicurezza del Mediterraneo: a Parigi l'unico italiano del 5+5 è un torinese

L' "Iniziativa 5+5 Difesa", che veglia sulla sicurezza del Mediterraneo e riunisce cinque Paesi della riva Sud (Algeria, Libia, Mauritania, Marocco e Tunisia) e cinque della riva Nord (Francia, Italia, Malta, Portogallo e Spagna) si è riunita per il cambio di presidenza martedì 12 dicembre a Parigi. E l'unico componente italiano del gruppo di lavoro - fatti salvi i rappresentanti politici - era un torinese, Claudio Bertolotti. Nata a Parigi il 21 dicembre 2004, la 5+5 rappresenta un forum di collaborazione nel settore della difesa e della sicurezza per migliorare, tramite la realizzazione di attività pratiche e attraverso lo scambio di idee e di esperienze, la reciproca comprensione e la fiducia nell’affrontare i comuni problemi della sicurezza.

“Per l’italia -  ha ricordato il Ministro italiano della Difesa, Roberta Pinotti - anche per la sua posizione nel Mediterraneo, creare un raccordo tra questi paesi è una vocazione geografica, perché si colloca come un ponte, per questo prometto l’impegno del mio paese per la prossima presidenza per proseguire l’ottimo lavoro fatto dalla Francia”.

Il Ministro Pinotti ha inoltre sottolineato l’importanza dell’iniziativa ricordando che rappresenta “una delle sfide più importanti che abbiamo oggi davanti a noi per sviluppare strategie condivise, consentire uno scambio maggiore di informazioni e di esperienze per diventare più forti e affrontare il terrorismo, nemico comune”.  La responsabile del dicastero ha anticipato che il programma messo in piedi per l’anno di presidenza italiano è molto impegnativo e denso di attività. Per il 2018 infatti l’Italia si è resa disponibile alla condotta di 16 attività delle 44 previste dall’Action Plan.

Il torinese Claudio Bertolotti, esperto accreditato presso la NATO e già capo sezione contro-intelligence in Afghanistan, è il ricercatore unico per l’Italia alla “5+5 Defense Initiative” per la sicurezza del Mediterraneo sui temi del contrasto al terrorismo, dell’immigrazione clandestina e della sicurezza delle frontiere.



r.g.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium