/ Eventi

Eventi | 30 ottobre 2019, 07:00

Movement si prende Torino, in arrivo giovani da 35 paesi: "E’ la città ideale per i grandi eventi"

Una settimana di eventi in vista del main act a Lingotto Fiere: torna l’evento musicale autunnale che fa ballare l’Europa

Foto di Simone Arena

Foto di Simone Arena

Si riaccendono i riflettori sulla Torino che balla: da lunedì, 28 ottobre, e fino a domenica 3 novembre, in città c'è Movement Torino Music Festival, una settimana di eventi per celebrare la rassegna musicale che ogni anno richiama all'ombra della Mole migliaia di appassionati di club culture da tutto il mondo, offrendo loro i migliori dj di musica elettronica al mondo.

Il main event, come ogni anno, si svolgerà presso il Lingotto la notte del 31 ottobre: nelle varie arene predisposte si alterneranno in consolle artisti del calibro di Dj Bone, Amelie Lens, Jamie Jones e Joseph Capriati. Il gotha della musica elettronica, alternato a dj emergenti come Anastasia Kristensen, Solid Grooves, Anotr, Dennis Cruz e Elrow Eddie M.

Tanti gli eventi collaterali che arricchiranno la settimana targata Movement: dalla lezione tenuta lunedì al Politecnico sulla sostenibilità del Festival alla serata di sabato presso l’Audiodrome con il re della techno Derrick May, passando per l’evento il primo novembre con la dj slovena Brina Knauss al Milk. Insomma, un programma di assoluto livello, con una programmazione artistica a 360 gradi, capace di spaziare in tutti gli ambiti della dancefloor contemporanea.

Se il format è consolidato e il successo assicurato, rimangono alte le aspettative per un evento capace di richiamare migliaia di giovani in città. A rivelarlo è Maurizio Vitale, co-fondatore e organizzatore di Movement: “Ci aspettiamo un miglioramento rispetto alle precedenti edizioni, con due palchi meravigliosi e una line up di giovani talenti internazionali. Il nostro pubblico arriverà da 35 nazioni, una grande festa per tutta la città”. Una boccata d’ossigeno importante per gli alberghi cittadini, lo scalo torinese di Caselle ma non solo. L’indotto economico generato dall’evento, come già accaduto con il Kappa Futur Festival, sarà anche questa volta importante.

Se la musica è l’assoluta protagonista, quest’anno verrà data grande importanza anche al tema food: “Oltre alla collaborazione con Autogrill, abbiamo deciso di affiancare loro l’hamburgeria di Eataly: le due offerte si completeranno migliorando il servizio al pubblico” spiega Vitale. Dall’organizzatore di Movement arriva poi uno spot per Torino, città ritenuta ideale per ospitare grandi eventi: “A livello europeo il capoluogo piemontese è unico, anche grazie a un’amministrazione presente sia a livello comunale che regionale. Torino è facilmente vivibile, ha una mobilità moderna e una capacità imprenditoriale unica”. 

Entusiaste anche la sindaca Chiara Appendino e l'assessore alla Cultura, Francesca Leon: "Movement è un fenomeno musicale che ha valicato, con importanti riconoscimenti, i confini nazionali, facendosi apprezzare come evento trans-culturale che sa coinvolgere un pubblico giovane, proveniente da tutto il mondo. Un festival che arricchisce l’offerta culturale della nostra Città e permette di diffondere l’immagine di Torino quale una delle capitali della musica elettronica. Uno sforzo importante, che l’organizzazione di Movement svolge con passione, a cui l’amministrazione riconosce il valore, anche per le ricadute di crescita culturale che si riflettono sulla nostra Città".

Appuntamento al Movement rinnovato quindi, la quattordicesima edizione si appresta a entrare nel vivo e a conquistare per l'ennesima volta Torino.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium