/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 13 febbraio 2020, 17:36

Come scegliere un buon hard disk esterno?

Quando si ha intenzione di acquistare un hard disk esterno, spesso i tanti modelli presenti sul mercato possono creare una grande confusione. Una delle differenze principali, è spesso rappresentata dal tipo di disco rigido al suo interno. Vediamo i pro e i contro di un hard disk SSD e di uno tradizionale

Come scegliere un buon hard disk esterno?

Acquistare un hard disk esterno è sempre un’azione da valutare con molta attenzione. È bene ricordare, che al suo interno andranno immagazzinati tutti i dati che si andranno a creare nel corso del tempo. Se non ci si vuole trovare in una situazione di inacessibilità dei dati, è sempre opportuno valutare con attenzione il modello che si andrà ad acquistare.

Come ci confermano gli esperti di Recovery Data, un’azienda specializzata nel recupero dati da hard disk, un modello troppo economico o di scarsa qualità può diventare un potenziale problema per la sicurezza dei propri dati. Vista la sempre maggiore importa che i dati hanno nel lavoro di tutti i giorni, è opportuno avere supporti affidabili e che siano efficienti nel tempo.

Vantaggi degli hard disk SSD rispetto ai modelli HDD

Gli hard disk HDD (hard disk drive) sono stati per molti anni i dispositivi di memorizzazione predominante nei computer di tutto il mondo. Il basso costo di acquisto e le grandi capacità di memorizzazione sono di sicuro uno dei loro punti di forza.

Per contro parte, gli hard disk SSD (solid-state drive) sono una soluzione di archiviazione che con il passare degli anni è diventata sempre più conosciuta. La maggiore velocità di accesso e le prestazioni più performanti in generale, rendono questa tipologia di hard disk di sicuro il protagonista del prossimo futuro.

Vantaggi degli hard disk SSD

Tempi di accesso. Uno dei vantaggi più facilmente riscontrabili negli hard disk SSD è sicuramente la velocità di accesso ai dati. In questa tipologia di supporto, nei modelli più performanti, può arrivare a una velocità 100 volte migliore di un tradizionale hard disk. Questa caratteristica, permette di avviare il sistema operativo in maniera più veloce, e anche di avere applicazioni che si aprono e svolgono i propri compiti in tempi più celeri.

Affidabilità. Gli hard disk SSD non hanno parti mobili, poiché utilizzano delle memorie flash per memorizza i dati. Questo, gli permette prestazioni e affidabilità migliore se li si paragona ai tradizionali hard disk. Avere una maggiore sicurezza nei supporti dove sono presenti i propri dati, è un fattore da non dimenticare assolutamente.

Risparmio energetico. Oltre ad essere più veloci e più affidabili, gli hard disk SSD richiedono una minore quantità di energia. Questo fattore, che porta quindi a ridurre l’ammontare della bolletta energetica, può portare con il corso del tempo ad ammortizzare l’importo per il loro acquisto. Inoltre, nei computer portatili questa loro caratteristica porta ad incrementare la durata della batteria elettrica.

Minor rumore. Non avendo parti in movimento, gli hard disk presenti in questa categoria sono nettamente più silenziosi della contro parte tradizionale. In ambienti di lavoro affollati, dove sono presenti più personal computer, questo fattore può portare ad ambienti più silenziosi e tranquilli.

Svantaggi degli hard disk SSD

Capacità. Uno dei maggiori svantaggi di questa tipologia di hard disk, è dettata dalla capacità degli stessi. Purtroppo, gli hard disk SSD molto capienti hanno dei costi di acquisto che nella maggior parte dei casi sono al di fuori della portata degli utenti. Proprio per questo, sono spesso utilizzati come unità dove installare il sistema operativo e i programmi più utilizzati.

Prezzo. Come detto poco sopra, il prezzo delle unità SSD è sensibilmente superiore a quello dei tradizionali hard disk. Questo, li rende una scelta poco ideale per chi è alla ricerca di soluzioni economiche.

Come si è potuto evincere da questo breve confronto, per chi è alla ricerca di una soluzione affidabile e performante allo stesso tempo, al momento attuale è opportuno scegliere un setup misto. Un hard disk SSD è una scelta ideale come unità primaria per il sistema operativo, così come per i programmi a cui si accede più frequentemente. Mentre, un hard disk HHD (interno, ma è più comodo averlo esterno), permette la memorizzazione di una grande mole di documenti, foto e musica ad un prezzo decisamente più abbordabile.

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium