/ Politica

Politica | 23 maggio 2020, 15:40

Coronavirus, i Radicali attaccano: "I giovani che fanno gli aperitivi nuovi capri espiatori"

Boni: "Secondo Cirio da questo fine settimana dipende il futuro del Piemonte, non da 80 giorni di gestione a dir poco approssimativa…"

Coronavirus, i Radicali attaccano: "I giovani che fanno gli aperitivi nuovi capri espiatori"

Sulla questione movida e aperitivi dei giovani, così è intervenuto Igor Boni, Presidente dei Radicali Italiani: "Prima era colpa dei Cinesi in quanto tali, poi di chi si riuniva, e ancora di chi andava a sciare, quindi di chi prendeva il treno per tornare a casa, per molti di chi sbarcava sulle nostre coste scappando dalla morte; nella fase più dura era colpa di chi si permetteva di uscire di casa, quindi di chi prendeva il sole sulla spiaggia, di chi correva, di chi portava a fare pipì il cane a 300 metri da casa, di chi camminava in un parco pubblico; ora siamo passati a chi non mette le mascherine anche a letto, per arrivare a nuovi colpevoli: i giovani che fanno la movida".

"Secondo Antonio Sechi, ex-primario del San Giovanni Bosco di Torino 'I giovani che fanno l'aperitivo in piazza sono degli assassini', niente meno! A queste dichiarazioni si aggiungono i proclami del Presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, che pensando alla movida ci dice che da questo fine settimana dipende il futuro del Piemonte, non da oltre 80 giorni di gestione approssimativa...".
"Certo c'è chi le regole non le ha rispettate e non le rispetta ma mai come in questo frangente, fino al 4 maggio, gli Italiani sono stati perfetti. su oltre 12 milioni di cittadini controllati meno del 4% non era in regola, lo dice il ministero. Ora la vita riprende, ci sono regole da rispettare ma la reclusione è finita e per inciso da 20 giorni, da quando molti milioni di persone sono tornati a lavorare e a uscire i contagi continuano a diminuire. Risaliranno? Ci sarà un'altra ondata? Può essere. Dovremo affrontarla convivendo con il virus e non chiudendo un'intera Nazione".

"Di certo non abbiamo bisogno di politici o esperti che abbiano come principale sport quello di additare i cittadini come colpevoli, non sapendo che fare. Inammissibile, in aggiunta, condannare singole categorie come 'i giovani' o 'gli immigrati'. Tutto questo non solo non serve a contenere il contagio o a migliorare i comportamenti ma definisce uno stato paternalista e autoritario".

 

 

 

 

 

Pagina Facebook

 

 

 

 

 

Sito web

 

 

 

 

 

Email

 

 

 

 

 

Canale YouTube

 

 

 

 

 

Flickr

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Copyright © 2020 Associazione Radicale Adelaide Aglietta, All rights reserved.
Ricevi questa e-mail perché hai accettato di essere informato sulle nostre attività

Associazione Radicale Adelaide Aglietta

Via san Dalmazzo 9 bis b

Torino, To 10122

Italy


Add us to your address book



Vuoi cambiare il modo in cui ricevi questi messaggi?
Puoi aggiornare le tue preferenze or cancellarti dalla lista.

Email Marketing Powered by Mailchimp

 

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium