/ Il Punto di Beppe Gandolfo

In Breve

sabato 01 agosto
lunedì 27 luglio
lunedì 20 luglio
lunedì 13 luglio
lunedì 06 luglio
lunedì 29 giugno
lunedì 22 giugno
lunedì 15 giugno
lunedì 01 giugno
lunedì 25 maggio

Il Punto di Beppe Gandolfo | 08 giugno 2020, 07:00

Una preghiera: torniamo a mangiare fuori casa

Durante il lockdown abbiamo spadellato e cucinato nei nostri fornelli. Adesso è il momento di ricominciare a uscire per cena, almeno una volta alla settimana

Una preghiera: torniamo a mangiare fuori casa

“Dopo 28 anni di attività, l’ altra sera, per la prima volta da quando sono qui in via Madama Cristina a Torino, ho registrato zero ingressi”. Nicola, titolare del ristorante Pasta e Basta, è sconsolato.

E’ rimasto chiuso per tutto il periodo di lockdown, poi si è attrezzato, ha seguito tutte le direttive, adesso il locale è perfettamente a norma. La cucina è sempre allo stesso livello, superottimale, soltanto la clientela latita.

Cambiamo città e tipologia di locale. Franco gestisce l’ osteria Croce d’ Oro a Sant’ Anna Avagnina, alle porte di Mondovì: “Le cose non vanno bene. La gente non viene. Forse ha paura. Forse è senza soldi”. Eppure i suoi prezzi sono popolari, da trattoria, e la cucina rinomata, non soltanto nella zona. 

Sono soltanto due esempi. Le lamentele di Nicola e Franco potremmo raccoglierle un po’ ovunque. Se il problema è grande per i proprietari dei ristoranti, diventa enorme per i loro dipendenti.

“Nei mesi di chiusura ho calcolato di aver perso all’ incirca 70mila euro di incassi, ma quel che più mi ha fatto star male è il fatto che i miei camerieri e i miei cuochi non hanno visto un euro, la cassa integrazione non è arrivata...” Racconta Nicola: a 80 chilometri di distanza, Franco conferma la medesima situazione.

E’ per questo che dobbiamo tornare a mangiare fuori casa. Durante il lockdown abbiamo spadellato e cucinato nei nostri fornelli. Adesso è il momento di ricominciare a uscire per cena, almeno una volta alla settimana. Una pizza, un piatto di tajarin, una grigliata di carne o di pesce, accompagnati da un buon bicchiere di vino sono lì che ci aspettano, preparati e serviti con la cura e la maestria della nostra straordinaria cucina piemontese.

Soltanto con il ritorno alla normalità, con i locali nuovamente frequentati, l’economia tornerà a girare. Non voglio fare gli interessi dei ristoratori. L’ invito è motivato dal fatto che è la loro attività a muovere l’ economia, i mercati, i trasporti, il lavoro di milioni di persone.

Mangiando ogni tanto fuori casa daremo un contributo indispensabile alla ripresa, che è dura per tutti. Ma di fronte a un piatto succulento, la risalita ci sembrerà un po’ meno faticosa.

Beppe Gandolfo

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium