/ Sanità

Sanità | 02 luglio 2020, 20:51

Sanità, il sindacato Anaao Assomed: "l riordino del futuro SSR può passare soltanto dal coinvolgimento dei medici"

Chi meglio di noi può fornire informazioni preziose per abbattere criticità e squilibri? Il contributo dei lavoratori in decisioni di questo tipo è indispensabile"

Sanità, il sindacato Anaao Assomed: "l riordino del futuro SSR può passare soltanto dal coinvolgimento dei medici"

Scrive il sindacato dei medici e dei dirigenti sanitari Anaao Assomed: "Apprendiamo con interesse l'intenzione espressa dai vertici Regionali circa una modifica del SSR. L'emergenza COVID ha messo alla luce tutti i limiti della DGR 1-600 del 2014. Limiti da sempre da noi denunciati per una Legge di riordino in materia sanitaria, che nata in tempi di austerità  ed in piano di rientro, ha prodotto prevalentemente tagli ai posti letto,  oltre ad una rilevante riduzione dei medici ospedalieri in attività. Per converso le previsioni della DGR 1-600 circa lo sviluppo del territorio erano molto poco ambiziose. Tutto ciò è stato drammaticamente evidenziato dall’emergenza COVID, con Ospedali in forte affanno e Territorio pressoché assente".

"Il riordino del futuro SSR non può che passare anche dal coinvolgimento dei medici; siamo infatti noi medici che operiamo quotidianamente in grembo al SSR, e chi meglio di noi può fornire informazioni preziose per abbattere criticità e squilibri. L'esclusione dei sindacati dai Tavoli di Lavoro regionali nell’emergenza Covid-19 ha dimostrato tutti i gravi limiti della decisione: chiediamo di non ripetere l'errore e che le rappresentanze sindacali non siano nuovamente escluse".

"In particolare chiediamo di essere coinvolti nella riorganizzazione dei posti letto ospedalieri e nella modulazione dei servizi, chiediamo che vengano previsti nel piano la concreta attuazione dei nuovi ospedali (TO5, Novara, Parco della Salute, VCO). E’ poi necessario rivedere la rete per patologie tempo dipendenti e valutare l'eventuale riconversione di Presidi che non offrono prestazioni sufficienti per garantire la qualità dei servizi".

"Sarà indispensabile infine prevedere la Riorganizzazione del Territorio, con potenziamento delle cure domiciliari, dell’ADI e dell’Assistenza Territoriale. Il contributo dei lavoratori in queste decisioni è indispensabile".

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium