/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 14 luglio 2020, 18:00

Caffè Vergnano amaro: a Chieri chiude "Eataly in Collina", a rischio una quindicina di posti di lavoro

"Lavoratrici e lavoratori dovranno continuare a stare a casa, sin tanto che la legge non consentirà all'azienda di licenziare se non si presenteranno soggetti interessati all'affitto del ramo d'azienda", denunciano Filcams Cgil e Flai Cgil. La replica dell'azienda

Caffè Vergnano amaro: a Chieri chiude "Eataly in Collina", a rischio una quindicina di posti di lavoro

Sono i primi segnali di un autunno che si annuncia caldissimo sul fronte del lavoro. O, meglio, del rischio della perdita di lavoro. A Chieri sono a rischio decine di posti, perché Caffè Vergano 1882 ha deciso di chiudere "Eataly in Collina", la caffetteria, torrefazione e ristorante che si trova nella centralissima via Vittorio Emanuele.

L'annuncio è arrivato da Filcams Cgil e Flai Cgil Torino: "La storica azienda della famiglia Vergnano, che nasce a Chieri nel 1882 e che oggi vanta un volume di affari tra gli 80 ed i 100 milioni di Euro, con caffetterie presenti in tutto il mondo e prodotti commercializzati su grande scala, attenta alla green economy ed alla sostenibilità nambientale, ha comunicato ai propri dipendenti i licenziamenti futuri in assenza di soggetti interessati all'affitto del ramo d'azienda".

"Lavoratrici e lavoratori, che dall'inizio del Lockdown si trovano in FIS (Fondo di integrazione salariale) a zero ore (l'ammortizzatore di settore) a causa delle chiusure dei pubblici esercizi stabilite per legge, dovranno continuare a stare a casa, dunque, sin tanto che la legge non consentirà all'azienda di poter licenziare se non si presenteranno soggetti interessati a rilevarli. Oltretutto la Vergnano nega l'anticipazione in busta paga delle competenze dovute dall'Inps", attaccano i sindacati: "17 famiglie si trovano oggi senza reddito da maggio e con la consapevolezza di perdere il lavoro".

"La segretaria di settore della Filcams Cgil di Torino, Germana Canali, sostenuta anche dalla segreteria della Flai Cgil il sindacato che segue i lavoratori dello stabilimento di Santena, annuncia battaglia: "La prima richiesta fatta all'azienda, che vanta un fatturato di tutto rispetto, è stata quella di anticipare il FIS in busta paga per garantire un sostegno al reddito di queste famiglie, ricevendo il NO secco della Vergnano. E' chiaro che tale posizione intransigente inasprisce il confronto tra le parti e valuteremo quali iniziative mettere in campo per dare voce e sostegno alle nostre richieste".

"Chiediamo l'impegno della società al mantenimento dell'occupazione e della sostenibilità economica; un ripensamento da parte dell'Azienda rispetto alla mancata riapertura dell'esercizio, che ha un valore simbolico per l'intera città di Chieri, fintanto che non si trovino i soggetti interessati all'acquisizione”. Per i sindacati non devono esserci licenziamenti, ma la ricollocazione di tutte le lavoratrici ed i lavoratori presso lo stabilimento di Santena anche sfruttando il turnover con eventuali lavoratori pensionandi.

Deve prevalere il buonsenso oltre che la giusta responsabilità sociale che un’azienda storica italiana dovrebbe avere nei confronti dei propri dipendenti, della comunità e del territorio in cui opera e produce. “Se sarà necessario – sottolinea Canali - ci rivolgeremo alle istituzioni locali e regionali al fine di tutelare l'occupazione".

In serata è giunta la replica dell'azienda a proposito di quanto dichiarato dai sindacati: "Innanzitutto le persone coinvolte non sono 17. Due sono state attualmente ricollocate nel nostro punto vendita di Alba, uno ha trovato un’altra posizione ancora prima che fosse rilasciato il comunicato dei sindacati, due sono in trattativa per un’altra posizione e siamo in attesa di un riscontro dai Sindacati in merito. Aggiungiamo che stiamo tenendo degli incontri individuali con i dipendenti in modo da agevolare le posizione e comprendere al meglio le esigenze dei singoli".

"Per quanto riguarda l’anticipo della cassa integrazione, abbiamo agevolato la liquidazione attraverso il sistema bancario. Purtroppo i tempi dello stato sono più lunghi del previsto e auspichiamo che al più presto possano essere erogate anche le rate di maggio e giugno e che il sostegno sia concreto per lavoratori e aziende. Nei casi di necessità, abbiamo provveduto a erogare l’anticipo del TFR ai dipendenti che ne hanno fatto richiesta. Questo per ribadire che la nostra azienda da sempre è vicina ai lavoratori e al territorio".

"Purtroppo, come molte altre realtà italiane (e non solo), l’emergenza sanitaria ci ha messo in una situazione di difficoltà e sono state necessarie delle scelte sofferte, ma necessarie per tutelare tutta la realtà e tutti i nostri dipendenti", fa notare la Casa del Caffè Vergnano. "L’attività di Chieri era un’attività in perdita (circa 100 mila euro annui): un valore che in tempi di normalità pre Covid abbiamo comunque scelto di assorbire, ma che nel contesto attuale risulta impossibile da sostenere".

"Specifichiamo inoltre che la necessità di snellire la struttura di Chieri si è rivelata funzionale per rendere l’attività più appetibile agli occhi di un terzo gestore e  confidiamo che possa agevolare l’ingresso di un nuovo partner. La ricollocazione richiesta dai Sindacati è stata effettuata dove possibile e compatibilmente con le figure professionali previste".

"Ci riteniamo molto delusi per i toni utilizzati dal Sindacato", conclude la nota. "Il nostro senso di responsabilità e di etica del lavoro è sempre stato evidente agli occhi di tutti".

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium