/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 18 settembre 2020, 20:35

Museo del Cinema: “Chiudiamo l'anno in pareggio salvando i festival. In cantiere nuovi videomapping"

Il revisore dei conti Asvisio: "Ottima gestione nel 2019, ridotto l'indebitamento". La prossima settimana si presentano il nuovo logo del Tff e il programma di Cinemambiente. A inizio ottobre riapre la Mario Gromo

Museo del Cinema: “Chiudiamo l'anno in pareggio salvando i festival. In cantiere nuovi videomapping"

Un annus horribilis, per la culla sabauda della settima arte, che tuttavia si avvia a chiudere il 2020 con un drastico abbattimento dell’indebitamento verso gli istituti bancari da 4,2 a 1,1 milioni, rispetto al 2016. È quanto emerso dall’audizione odierna in Comune del Museo del Cinema di Torino, che ha rendicontato le operazioni portate avanti negli ultimi mesi in vista della ripartenza, guardando ai possibili (e comunque non facili) sviluppi futuri. 

“Abbiamo effettuato tagli del 35% sui nostri festival, cioè Lovers, Cinemambiente e Tff, oltre a razionalizzare i costi di gestione del museo. Questo ci permette di immaginare di arrivare a fine anno in pareggio, un risultato molto significativo. Certamente il 2021 presenta una seria di criticità per tutti, vedremo come affrontarle”. Così il presidente Enzo Ghigo, che ha aggiunto: “riteniamo che il fattore amministrativo sia sotto controllo e speriamo che il peggio sia passato”. Uno scenario confermato dal revisore dei conti Luca Asvisio, che ha precisato: “La gestione del 2019 è stata molto accurata: il museo è riuscito ad accantonare 950 mila euro di fondi”. 

“I tagli sono stati molto dolorosi, soprattutto a fronte del ricco programma preparato con il Comune per Torino Città del Cinema - ha aggiunto il direttore Domenico De Gaetano -. Abbiamo dovuto prorogare la mostra di Cinemaddosso potendo permettercene solo una nel 2020, mentre si dovrà aspettare febbraio per quella in omaggio agli ottant’anni di Dario Argento. Ricordiamo, però, che il Cinema Massimo è stato il primo a riaprire in città dopo il lockdown, registrando un grande successo di pubblico e raggiungendo spesso il sold out. Mentre gli ingressi alla Mole ammontano al 40-50% rispetto allo scorso anno, con biglietto ridotto”.

Un monitoraggio della solidità dell’ente portato avanti, negli scorsi mesi, anche mediante stress test, “per arrivare a fine anno senza troppa sofferenza dal punto di vista finanziario”, ha sottolineano De Gaetano. “Siamo grati a tutte le istituzioni che ci sono venute incontro, così come le fondazioni bancarie, garantendoci liquidità quando non arrivavano soldi dalla biglietteria durante la chiusura”. 

Ora in pentola sembrano bollire diversi progetti legati all’esperimento di videomapping che ha visto la luce in occasione della Festa di San Giovanni: “Il trailer del progetto è stato visto da oltre 600 mila persone e stiamo valutando con l’assessorato alla cultura diverse proposte pervenuteci. La nostra idea è cercare di rendere il museo sempre più innovativo, incentivando l’attenzione verso il post cinema e l’arte digitale, la realtà virtuale e l’aumentata”. 

Intanto, nei prossimi giorni, tutta la squadra si prepara a presentare alla stampa e al pubblico Cinemambiente e il nuovo logo del Torino Film Festival, con due conferenze in programma alla Mole e al Massimo. E ci sono buone notizie anche per la Bibliomediateca “Mario Gromo”, che dovrebbe riaprire a inizio ottobre in concomitanza con l’avvio delle lezioni universitarie. 

“Dal 2016 a oggi - ha infine sottolineato l’assessora alla cultura Francesca Leon - il consiglio di gestione del museo ha fatto passi da gigante, e il lavoro portato avanti dall’amministrazione sul bilancio della città ha permesso di ridurre drasticamente i tempi di liquidazione dei pagamenti. Saremo ancora più attenti a migliorare questa capacità, ma per ora mi ritengo molto soddisfatta per le attività in calendario e quelle riprogrammate nell’anno del cinema”.

Manuela Marascio

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium