Elezioni comune di Torino

 / Attualità

Attualità | 14 settembre 2021, 10:52

La denuncia del Cub: "Nomine Graduatorie Provinciali di Scuola e immissioni in ruolo, siamo su Scherzi a parte?"

"In provincia di Torino 32 insegnanti della classe di concorso A041 sono stati rimessi in gioco secondo un unico criterio: quello della casualità"

La denuncia del Cub: "Nomine Graduatorie Provinciali di Scuola e immissioni in ruolo, siamo su Scherzi a parte?"

Ieri è iniziato il nuovo anno scolastico e la CUB Scuola Università Ricerca di Torino è andata subito all'attacco sulla questione nomine e incarichi dei docenti: "Nelle disponibilità pubblicate il 13 agosto sul sito dell'ambito territoriale 5 di Torino venivano indicate tutte le disponibilità delle classi di concorso. In una colonna dedicata veniva segnalato “un accantonamento” per vincitori di concorso. Il 2 settembre 2021 dalla graduatoria GPS A041 sono stati nominati 129 supplenti annuali. Andando ad utilizzare anche le disponibilità che teoricamente avrebbero dovuto essere accantonate".

"Il 10 settembre dopo soli otto giorni dalle nomine GPS sono stati immessi in ruolo 40 docenti della A041 così suddivisi: 8 docenti sono stati confermati nello stesso istituto presso il quale avevano ottenuto nomina da GPS; 13 docenti hanno cambiato sede rispetto a quella assegnata loro da GPS con conseguente risoluzione del contratto per altrettanti colleghi; 19 docenti non presenti tra i nominati hanno scalzato altrettanti colleghi nominati tramite GPS", prosegue la nota del sindacato.

"La conclusione è che ci sono in provincia di Torino 32 insegnanti della classe di concorso A041 che vengono rimessi in gioco secondo un unico criterio: quello della casualità! Dato che gli stessi saranno obbligati a sperare di ricevere una nuova nomina affidandosi alle chiamate delle singole scuole, che ovviamente arriveranno in ordine sparso e non in unica operazione, quindi in barba a qualunque principio generale rispettoso di una graduatoria e di un punteggio. Questo perché non si è applicato alcun criterio per governare la procedura d’immissione in ruolo, così è potuto accadere che il decimo della graduatoria GPS appena nominato perdesse il posto mentre il novantanovesimo restava tranquillamente sulla sede assegnata secondo le preferenze indicate, in osservanza ad un criterio di graduatoria interpretato in maniera a dir poco singolare", è l'affondo del Cub Scuola Università e Ricerca.

"E’ incredibile la superficialità con cui questa materia è stata trattata. Emblematica, tra le segnalazioni che ci sono giunte, la situazione paradossale di un'aspirante nominato per diciottesimo da GPS (su una cattedra non dichiarata come accantonamento), costretto alla risoluzione del contratto a causa di una immissione in ruolo, ma della cui sorte pare nessuno se ne curi… sarà finito su “Scherzi a parte” o sull’ultima edizione della “Ruota della fortuna”…?", conclude con amarezza il sindacato.

"Ci chiediamo se tutto questo non potesse essere evitato, procedendo realmente ad un accantonamento di posti in numero pari ai docenti che avrebbero dovuto essere immessi in ruolo, oppure (dato il risibile intervallo tra le due operazioni) semplicemente effettuando prima l'immissione in ruolo per poi procedere alle nomine da GPS. Ma forse era più importante poter dire che “tutto filava alla perfezione” e che l’anno scolastico sarebbe iniziato con tutti i docenti in cattedra… se poi alcuni di questi devono rimescolarsi come le carte del rubamazzetto poco importa…".

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium