Economia e lavoro | 28 settembre 2021, 10:27

Conto alla rovescia verso VTM: "Diamo a Torino la chance di diventare città di riferimento per la mobilità"

A Marzo 2022 è prevista la nuova edizione del grande evento dedicato alla mobilità e al suo futuro. Gallina: "Da Mirafiori e i centri di competenza la spinta per il futuro, compreso l'aerospazio". Gay: "Serve un hub per affrontare le sfide del futuro"

Sala con persone per presentazione evento

Conto alla rovescia verso l'edizione 2022 di VTM

Marzo 2022: scadrà in quel momento il conto alla rovescia in attesa di VTM, Vehicle & transportation meetings, il grande evento internazionale attraverso il quale Torino vuole ribadire il proprio ruolo di primo piano quando si parla di automobile, ma non solo. Il tutto nella cornice delle Ogr.

Un appuntamento cui il territorio, insieme alle sue aziende e alle istituzioni, vuole farsi trovare pronto, per difendere una posizione ancora di predominio a livello nazionale, ma al tempo stesso gettare le basi per il futuro. Per non rimanere isolati ai margini dell'impero.

"Nuove strade da seguire, anche con l'aerospazio"

"Spingeremo ancora per seguire le nuove strade dell'auto come ibrido, idrogeno, elettrico e guida autonoma. Ci sono progetti importanti a partire dallo stabilimento di Mirafiori in vista della trasformazione tecnologica, come il Competence center, in collaborazione con il Politecnico di Torino", dice Dario Gallina, presidente della Camera di Commercio di Torino. "Senza dimenticare il settore dell'aerospazio, in cui abbiamo investito e crediamo molto".

"Serve un hub di competenze per le nuove sfide di business e sostenibilità"

"Abbiamo bisogno di un hub legato alla mobilità del futuro, per poter andare avanti, nel segno dell'innovazione - aggiunge Marco Gay, presidente di Confindustria Piemonte -. Abbiamo la capacità e le competenze per guidare il settore verso il futuro, come Torino e come Piemonte. Possiamo creare un futuro più sostenibile e cambiare la produzione industriale ri-orientandola verso le nuove sfide tra business e responsabilità". "Sicurezza, guida autonoma, motorizzazioni moderne: sono tutti punti che possiamo unire per dare una visione d'insieme al nostro territorio".

Scommettere sul futuro "coinvolgendo anche i ragazzi"

"L'innovazione è un concetto che va oltre l'automotive e la manifattura - dice Dario Peirone, presidente di Ceipiemonte -, ma senza dubbio apre nuovi scenari in tutto il nostro territorio, anche in termini di attrazione per capitali stranieri che possono scoprire le nostre potenzialità per poi decidere di venire qui a investire. Dobbiamo scommettere sul nostro futuro, coinvolgendo anche i ragazzi che in questo momento stanno studiando e che contribuiranno al domani".

"Diamo una chance a Torino per essere riferimento internazionale"

"È una soddisfazione tornare dal vivo con i nostri eventi, dopo un periodo difficile come quello della pandemia - conclude Stéphane Castet, ceo di Advanced business event, organizzatori di VTM -. Faremo del nostro meglio per organizzare un evento all'altezza per ricevere tutti i delegati e addetti ai lavori provenienti da tutto il mondo. Nel mondo, Torino è riconosciuta come una delle città più importanti legate all'auto, ma anche all'aerospazio. E vogliamo dare a Torino la chance di diventare una città di riferimento per la mobilità"

Massimiliano Sciullo

Leggi tutte le notizie di STORIE SOTTO LA MOLE ›

Rossana Rotolo

Nata e vissuta a Torino, mi sono allontanata per qualche anno ma, dopo due brevi parentesi a Berlino prima e in Trentino poi, ho deciso di tornare a casa. Nonostante un’educazione di carattere prettamente scientifico, la passione per la scrittura ha preso presto il sopravvento e ho cominciato a raccontare con costanza il mondo della creatività, dall’arte contemporanea al teatro, dall’editoria all’arte di strada. Ho fatto del racconto del talento altrui la mia più grande missione.

Storie sotto la Mole
Poche città posseggono un patrimonio di storie e leggende quanto Torino. Ho ideato questa rubrica per dare spazio ai numerosi miti nati all’ombra della Mole: dall’origine dei dolci più prelibati, agli angoli nascosti della città fino ai numerosi fantasmi che ne occupano vie e palazzi. In questo spazio racconto a modo mio le storie più note, quelle meno note e anche alcune di mia completa invenzione.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium