/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 08 giugno 2022, 07:00

Sconfitto l’Azov, nuove prospettive per la minoranza greca di Mariupol

In Ucraina vivono diverse minoranze etnico-linguistiche. Una delle più consistenti è quella dei “greci del Mar Nero”, circa centomila persone di ascendenza greca e in prevalenza di lingua russa

Sconfitto l’Azov, nuove prospettive per la minoranza greca di Mariupol

In Ucraina vivono diverse minoranze etnico-linguistiche. Una delle più consistenti è quella dei “greci del Mar Nero”, circa centomila persone di ascendenza greca e in prevalenza di lingua russa. A partire dal 2014, anno della rivoluzione dell’Euromaidan, Kiev ha iniziato ad approvare leggi che limitavano la possibilità di usare a scuola e nei luoghi pubblici una lingua diversa dall’ucraino. Tali norme, oltre a cozzare pesantemente con i valori europei (tanto da provocare interrogazioni all’Europarlamento) si sono tirate dietro una scia di razzismo e discriminazione che ha inquietato i governi dei Paesi UE aventi minoranze in Ucraina: Romania, Bulgaria, Polonia, Ungheria e Grecia. I cittadini di origine ellenica sono concentrati nella parte meridionale del Donbass e soprattutto nella città di Mariupol, protagonista negli ultimi tempi della battaglia all’acciaieria Azovstal. Con la sconfitta del battaglione neo-nazista Azov ivi asserragliato, per i greco-ucraini si aprono prospettive che si sperano essere più serene. Come riportato dal sito Strumenti Politici, ancora a febbraio i giornali greci e persino il Financial Times avevano riferito testimonianze di discriminazione e repressione degli ellenici della regione: dalle scritte xenofobe sui muri del Consolato greco fino a ferimenti e uccisioni. Il fatto che parlino russo li rende ancora più invisi agli ucraini ultra-nazionalisti. Inoltre, per quelli che speravano di ottenere il passaporto greco per avere più possibilità di protezione diplomatica o magari di fuga, l’attesa può durare anche anni. Da oggi, con Mariupol passata definitivamente sotto il controllo Repubblica Popolare di Donetsk, si vedrà quali miglioramenti potranno esserci per la loro condizione.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium