/ Il Punto di Beppe Gandolfo

In Breve

lunedì 30 gennaio
lunedì 23 gennaio
lunedì 16 gennaio
lunedì 09 gennaio
lunedì 02 gennaio
lunedì 19 dicembre
lunedì 12 dicembre
lunedì 05 dicembre
lunedì 28 novembre
lunedì 21 novembre

Il Punto di Beppe Gandolfo | 25 luglio 2022, 07:00

Non si trovano dipendenti, di chi è la colpa?

Recentemente è stato inaugurato, alle porte di Torino, uno stabilimento all’avanguardia nel settore dell’automotive: il presidente ha lanciato un allarme: delle 220 assunzioni previste, restano ancora da coprire 60 posizioni

Non si trovano dipendenti, di chi è la colpa?

Primo segnale. Recentemente è stato inaugurato, alle porte di Torino, uno stabilimento all’avanguardia nel settore dell’automotive: Oltre Industria Torino. Il presidente ha lanciato un allarme: delle 220 assunzioni previste, restano ancora da coprire 60 posizioni. Cioè si cercano 60 giovani da assumere con regolare contratto, ma arrivano pochissimi curriculum.

Secondo segnale. Più del 57% delle imprese del turismo, della ristorazione, dei servizi di logistica e del commercio che cerca personale, non lo trova.

Terzo segnale. In un alpeggio a 2200 metri, in Valle d’ Aosta dove si produce la Fontina Dop, i pastori provengono tutti da nazioni del Nord e Centro Africa, guadagnano 8-9 mila euro in 4 mesi, e poi tornano  al loro paese d’origine, dove vivono da nababbi per il resto dell’ anno.

Ragazzi italiani disposti a far questo lavoro non se ne trovano.

Se un segnale è un indizio, tre segnali sono una prova.

La prova che c’ è qualcosa che non funziona nel nostro mercato del lavoro, nel nostro sistema scolastico che dovrebbe preparare i ragazzi all’ impiego, alla prima occupazione.

Ma anche nell’approccio delle famiglie all’istruzione dei propri figli.

Qualche anno fa il preside di un istituto di formazione salesiano mi confidò: i ragazzi che frequentano i nostri corsi da carburatorista o da elettrauto, quando escono trovano lavoro immediatamente. E proprio i ragazzi sarebbero entusiasti di venire da noi, ma dobbiamo lottare contro le resistenze dei genitori che vorrebbero per i figli solo il liceo e l’Università, anche per giovani che di studiare davvero, hanno poca voglia.

Allora ha forse ragione quell’imprenditore che ha suggerito di chiamare tutte le scuole superiori con il nome di Liceo: liceo per idraulici, liceo per carrozzieri, liceo per elettricisti, liceo per camerieri … e così via. Così, forse, saremmo tutti contenti.

Beppe Gandolfo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium