ELEZIONI REGIONALI
 / Il Punto di Beppe Gandolfo

Il Punto di Beppe Gandolfo | 18 marzo 2024, 07:00

Comuni senza internet nè tv: record in Piemonte

"Secondo uno studio riportato dal Sole 24 Ore, 46 piccoli comuni sono senza alcuna copertura di rete telefonica fissa, in 204 Comuni la percentuale senza copertura internet è superiore al 10%, in 130 la quota è superiore al 20%".

Comuni senza internet nè tv: record in Piemonte

Il Piemonte vanta un record tristissimo, quanto preoccupante. Secondo uno studio riportato dal Sole 24 Ore, 46 piccoli comuni sono senza alcuna copertura di rete telefonica fissa, in 204 Comuni la percentuale senza copertura internet è superiore al 10%, in 130 la quota è superiore al 20%.

Se si include anche la rete mobile, il numero di comuni “No Internet”, quindi con percentuale di abitazioni senza copertura, è superiore al 10%. La maggior parte si concentra in Piemonte, nelle province di Cuneo, Alessandria, Torino e Asti, nel Molise, nella Liguria e in Sicilia. Tra i comuni che si trovano maggiore difficoltà si contano Pontechianale, Oncino, Macchia Valfortore, Marcetelli, Marmora, Castelmagno, Bellino, Pradleves, Gorreto, Valprato Soana, Rondanina, Villamiroglio, Acceglio, Serole, Sant’Alessio in Aspromonte.

“Aree bianchissime”, secondo la nuova definizione del Governo.

Come se non bastasse, ecco un altro record. In 550 comuni montani del Piemonte, 150 dei quali in provincia di Torino, è impossibile ricevere qualsiasi segnale televisivo, a meno di non dotarsi di una parabola o di una Smart Tv da collegare alla banda larga. Che non c’è. Risultato: almeno 50 mila residenti delle vallate alpine torinesi devono rinunciare alla televisione e altri 70 mila hanno dovuto spendere tra i 200 e i 500 euro per vedersi riconoscere il diritto al servizio pubblico della Rai.

Mentre tutto si va digitalizzando (rapporti con banche, anagrafi, pubblica amministrazione) c’è un universo ancora isolato, scollegato dal mondo. Dove è impossibile inviare o ricevere mail, tanto per fare un esempio semplice e incredibile nel 2024.

Marco Bussone, presidente di Uncem (Unione nazionale Comune e Enti Montani) si occupa da molti anni di divario digitale tra aree urbane avanzate, grandi città, e piccoli paesi/ aree montane dell’Italia. La mancanza di una buona connessione si unisce alla mancanza di competenze digitali, oltre che all'assenza, in molte aree dell’Italia, di un buon segnale per la telefonia mobile. 

Infiniti appelli e allarmi: tutti sempre senza risposta.

Beppe Gandolfo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium