/ Cronaca

Cronaca | 15 settembre 2018, 16:46

Un anziano di Chieri colpito dalla "febbre del Nilo": curato all'Amedeo di Savoia, ora sta bene

Da giugno sono già 42 i casi in Piemonte, nessuno di questi si è rivelato grave. L'assessore Saitta: "Non c'è nessuna emergenza"

Un anziano di Chieri colpito dalla "febbre del Nilo": curato all'Amedeo di Savoia, ora sta bene

 

Un anziano residente a Chieri, nel Torinese, è stato ricoverato nel reparto di microbiologia e virologia dell'ospedale Amedeo di Savoia di Torino per West Nile, la febbre del Nilo che si trasmette con la puntura di zanzare del tipo culex. La notizia, resa nota dall'Ansa che cita il "Corriere di Chieri", è stata confermata da fonti sanitarie.

L'uomo ora sta bene. L'ospedale Amedeo di Savoia, specializzato nella cura di malattie infettive, ha contattato Seremi - Servizio regionale che monitora le malattie infettive - e Ipla, che si occupa della valutazione e della disinfestazione del luogo in cui la persona è stata infettata.

In Piemonte, dal primo giugno al 13 settembre, sono stati registrati 42 casi di febbre del Nilo, 15 a Torino e Provincia. Le forme neuroinvasive sono state 28, 7 con febbre alta e 7 positività riscontrate in donatori di sangue. Nessuna emergenza, comunque, secondo l'assessore regionale alla Sanità, Antonio Saitta: "Gli inutili allarmismi non servono e sono controproducenti".

 

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium