/ Attualità

Attualità | 21 ottobre 2018, 17:03

Il Toro si butta via a Bologna

Avanti di due gol (Iago Falque e Baselli) a mezz’ora dalla fine gli uomini di Mazzarri si fanno riprendere dalle reti di Santander e Calabresi, che approfittano dei clamorosi errori della retroguardia granata

immagini gentilmente concesse da Lorenzo Mauro

immagini gentilmente concesse da Lorenzo Mauro

Sta diventando un brutto vizio quello del Toro. Avanti di due gol contro il Frosinone, i granata erano riusciti nell’impresa di farsi raggiungere, prima di trovare l’acuto vincente con Berenguer. La storia si è ripetuta al Dall’Ara contro il Bologna, ma stavolta la squadra di Mazzarri ha fatto come succedeva un anno fa a quella di Mihajlovic, subendo la doppia rimonta senza però trovare poi il nuovo e definitivo vantaggio. E dire che per un’ora abbondante in campo c’era stato solo il Toro, andato avanti grazie a una gemma di Iago Falque, che in avvio di ripresa ha poi vestito i panni dell’uomo assist, offrendo a Baselli la palla del 2-0.

Una partita strachiusa veniva riaperta dalle topiche difensive dei granata, che prima si addormentano su un calcio d’angolo, consentendo al Bologna di accorciare le distanze con il tap-in di Santander, poi regalano a Calabresi il 2-2 con un errore di reparto come non se ne vedono neppure in Lega Pro. Prima e dopo altre occasioni sbagliate e la sensazione che a questa squadra manchi il killer instinct, dote indispensabile per fare strada in campionato e sognare l’Europa. Sabato prossimo, contro la Fiorentina all’Olimpico, vedremo se il Toro riuscirà nell’impresa di prendere due gol per la terza partita di seguito: farebbe fatica a vincere anche il Barcellona, avendo un rendimento difensivo così deficitario.

Cronaca. Al Dall’Ara bella giornata di sole e bella presenza di pubblico sugli spalti, con colorata e rumorosa presenza di tifosi granata nel settore ospiti. Il Bologna si schiera, come la squadra di Mazzarri, con il 3-5-2 ritrovando l’intramontabile Palacio in attacco. Nel Torino (per l’occasione in maglia bianca) a sorpresa il giovane Djidji è preferito all’esperto Moretti nei tre di difesa, in mezzo al campo ci sono De Silvestri e Meité sugli esterni, con Meité, Baselli e Rincon a comporre la cerniera centrale, con Soriano in panchina (al pari di Zaza) e la ritrovata coppia d’attacco Belotti-Iago.

Inizia meglio il Bologna, che arriva alla prima conclusione con Santander, ma presto è il Toro a iniziare a fare la partita. Al 12’ da un tiro-cross insidioso di Berenguer per poco non nasce il vantaggio granata, ma Belotti è in leggero ritardo sul tentativo del compagno di squadra spagnolo. Passa poco più di un minuto e la squadra di Mazzarri trova il gol, con un tiro ricco di effetto di Iago Falque da fuori che sorprende Skorupski, con la palla che si infila poco sotto l’incrocio dei pali: per Iago prima rete in questo campionato, nella partita del ritorno da titolare. Il Bologna prova a reagire ma solo con un tentativo (rimpallato dalla difesa) di Orsolini cerca di rendersi veramente pericoloso, il Toro ogni volta che ne ha la possibilità cerca di accelerare e verticalizzare, ma un paio di contropiedi interessanti vengono sprecati al momento dell’ultimo passaggio.

Ancora Iago è protagonista di un’azione importante alla mezz’ora, con la disperata uscita di Skorupski che salva i suoi, mentre Meité non trova poi il tocco vincente sul prosieguo dell’azione, mentre al 33’ il Gallo Belotti controlla male il pallone di Berenguer e non riesce ad arrivare alla conclusione ravvicinata. Il Bologna conquista un paio di corner ma fa il solletico a Sirigu, mentre ogni volta che il Toro supera la trequarti dà sempre la sensazione di poter essere pericoloso, anche se ha il torto di non affondare con la necessaria cattiveria e trovare il 2-0 che chiuderebbe di fatto i conti.

I padroni di casa si ripresentano nella ripresa con Svanberg al posto dell’evanescente Danilo, ma è ancora il Torino a menare le danze, con Iago che al 3’ va vicino al raddoppio, calciando sul cross di De Silvestri con prontezza ma a fil di palo un pallone che gli era stato quasi sistemato da un tocco tra Baselli e Mbaye. Ma il 2-0 è nell’aria e arriva al minuto 8 con il solito Iago Falque decisivo: l’incursione dello spagnolo mette in crisi la difesa rossoblu, poi arriva l’assist al bacio per Daniele Baselli che non può sbagliare una sorta di rigore in movimento: poi il centrocampista granata per festeggiare sfoggia una maglietta personalizzata che aveva tenuto nascosta sotto la divisa da gioco, con tanto di dedica per il quarto compleanno della sua bimba.

Quando la tavola sembrerebbe apparecchiata per un finale tutto in discesa per i granata, ecco la dormita difensiva su azione d’angolo: Palacio centra il palo, poi arriva il tap-in vincente di Santander, con entrambi che godono di una inspiegabile libertà, consentendo così al Bologna di tornare in partita. Si rianima anche il pubblico del Dall’Ara, che era rimasto a lungo in silenzio, in soggezione come la propria squadra: il già ammonito Baselli rischia grosso, quando sgambetta un avversario, al termine di una incursione offensiva, ma invece che togliere il suo centrocampista ed evitare rischi, Mazzarri inserisce Zaza in luogo di Belotti. E l’ex juventino va subito vicino al 3-1, vedendo murato il suo tentativo dai difensori rossoblu.

Il Toro, però, decide di farsi del male da solo e da un rinvio sballato di Sirigu arriva il pareggio del Bologna, con Calabresi che si veste da attaccante, chiede l’uno-due a un compagno e arriva indisturbato dentro i sedici metri per firmare il clamoroso 2-2, facendo riemergere una squadra che a inizio ripresa era fuori partita, essendo stata dominata in lungo e in largo. Il Toro prova a tornare a rendersi pericoloso con il solito Iago Falque, mentre Mazzarri decide di rischiare e dopo aver messo dentro Lukic per Baselli (prima del 2-2) toglie De Silvestri per aumentare la qualità offensiva con l’innesto del giovane Parigini. Un tiro deviato di Rincon e il tentativo in scivolata di Zaza al 94’ sono le ultime chance per vincere, ma il Toro i tre punti li aveva buttati via prima.

Bologna – Torino 2-2

BOLOGNA (3-5-2): Skorupski; Calabresi, Helander, Danilo (1’ st Svanberg); Mbaye, Orsolini, Nagy, Poli, Dijks (18’ st Gonzalez); Santander, Palacio (35’ st Falcinelli). A disposizine: Da Costa, Santurro, De Maio, Pulgar, Paz, Donsah, Destro, Okwonkwo, Dzemaili, Falcinelli. All. F. Inzaghi

TORINO (3-5-2): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Djidji; De Silvestri (36’ st Parigini), Meité, Baselli (28’ st Lukic), Rincon, Berenguer; Falque, Belotti (22’ st Zaza). A disposizione: Ichazo, Rosati, Bremer, Moretti, Aina, Soriano, Lukic, Parigini, Edera, Zaza. All. Mazzarri

Arbitro: Banti di Livorno

Reti: 13’ Iago Falque, st 8’ Baselli, 14’ Santander, 31’ Calabresi

Ammoniti: Belotti, Calabresi, Baselli, Mbaye

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium