/ Politica

Politica | 18 febbraio 2019, 17:20

Trasferimento suk da Borgo Dora a via Carcano, l'assessore Giusta rassicura: "Discussione aperta al Comitato per la sicurezza"

"Eppure per il quinto sabato di fila i venditori hanno continuato a posizionare le loro merci a Borgo Dora, con un danno enorme per il Balon", ha dichiarato il capogruppo dei Moderati Silvio Magliano

Trasferimento suk da Borgo Dora a via Carcano, l'assessore Giusta rassicura: "Discussione aperta al Comitato per la sicurezza"

Sul trasferimento del Barattolo del sabato da Borgo Dora a via Carcano "abbiamo una discussione aperta in sede di comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica". A dirlo è l'assessore comunale all'integrazione Marco Giusta, durante la richiesta di comunicazioni sul mancato spostamento del suk da San Pietro in Vincoli e Canali Molassi all'area vicino al cimitero Monumentale, che sarebbe dovuto avvenire già dallo scorso 19 gennaio. 

Un condizionale d'obbligo perché per il "quinto sabato di fila - come ha spiegato il capogruppo dei Moderati Silvio Magliano - i venditori hanno continuato a posizionare le loro merci a Borgo Dora, con un danno enorme per il Balon. La collocazione su via Carcano - ha proseguito il consigliere di minoranza- è assurda, ma mi auguro che si continui sulla linea dello spostamento: un cambio di strategia sarebbe, a questo punto, un disastro nel disastro".

"Sarebbe bello capire - ha chiesto il capogruppo comunale della Lega Fabrizio Ricca - di cosa si discute al comitato, dato che dopo un mese nessuno si è chiesto come risolvere il problema". Critico anche il capogruppo del Pd Stefano Lo Russo che ha osservato come "la Polizia Municipale ci risulterebbe essere stata assente durante lo svolgimento dei mercati abusivi presso Canale Molassi, mentre avrebbe dovuto garantire un presidio del territorio".

Per la capogruppo di Torino in Comune Eleonora Artesio i "venditori continuano ad andare a Borgo Dora perché via Carcano non è adatta".

L'assessore Giusta ha replicato che "per trattare il tema del Libero Scambio serve un grado di serenità e collaborazione che in questi due anni e mezzo, in Consiglio comunale, non c'è mai stato: quella zona è stata indicata come uno dei peggiori ricettacoli del male di Torino". L'assessore all'integrazione ha annunciato il suo l'impegno a "ricostruire un clima di fiducia tra amministrazione e espositori".

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium