/ Eventi

Eventi | 09 maggio 2019, 17:55

Astrosamantha nell'orbita del Salone del Libro: "La fortuna dalla mia, ma senza preparazione si resta a terra"

Samantha Cristoforetti ha presentato il suo libro "Diario di un'apprendista astronauta", dove racconta l'esperienza nella Stazione Spaziale Internazionale

Astrosamantha nell'orbita del Salone del Libro: "La fortuna dalla mia, ma senza preparazione si resta a terra"

Per descrivere quel lungo periodo di lavoro le piace utilizzare un termine che rimanda alla manualità artigianale, al sudore della fronte mescolato alla leggerezza di un desiderio che diventa realtà. L'allenamento duro e costante di Samantha Cristoforetti prima di approdare alla Stazione Spaziale Internazionale è ora raccolto nel "Diario di un'apprendista astronauta" (La nave di Teseo), presentato oggi al Salone del Libro di Torino.

“Quando i motori del razzo si sono accesi, si è realizzato il grande sogno della mia vita”, racconta Astrosamantha, ripercorrendo quei mesi di preparazione al lancio in orbita, descrivendo minuziosamente ogni dettaglio con gli occhi meravigliati di chi diviene, giorno dopo giorno, un essere umano spaziale. Dalla scienza alla riparazione della toilette, dall’arrivo di astronavi cargo alle passeggiate nello spazio dei colleghi, dagli allarmi alla routine, ai rituali di ogni giorno.

"Ho iniziato a sognare lo spazio quand'ero alle scuole elementari, ma era un immaginario fantastico, letterario", spiega Samantha. "Sono nata in una paesino di montagna dove il cielo era molto limpido, privo di inquinamento, e potevo guardare le stelle. Sentivo che era un mio obiettivo, un mio sogno. La cosa ha acquisito concretezza quando è stato pubblicato l'annuncio per la selezione di astronauti da mandare nella stazione".

Un'occasione da cogliere al volo, capitata al momento giusto, in cui di certo la fortuna ha giocato il suo ruolo, "ma la preparazione, le competenze e le qualifiche restano fondamentali", ha chiarito Astrosamantha.

Un viaggio lungo, fatto di assoluta dedizione per anni, prima del tanto atteso lancio che ha fatto pensare a quella bambina innamorata delle stelle: ce l'ho fatta.

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium