/ Cronaca

Cronaca | 19 luglio 2019, 12:38

Droga, scoperto a Torino un “punto di ritiro e consegna” vicino ai bidoni della spazzatura per evitare i controlli

Tre arresti e un chilo di stupefacenti recuperato nell’ultima settimana dai carabinieri nei quartieri Aurora e Barriera di Milano

Droga, scoperto a Torino un “punto di ritiro e consegna” vicino ai bidoni della spazzatura per evitare i controlli

Si intensifica l’azione antidroga dei carabinieri nei quartieri Aurora e Barriera di Milano. Tre persone arrestate e quasi un chilo di stupefacenti sequestrato nell'ultima settimana grazie alla scoperta di due “depositi”.

Il primo in lungo Dora Savona, nei pressi di un cassonetto dell’immondizia, ove all'interno di una busta di plastica, erano custoditi circa 300 grammi di marijuana. Si tratta di una “punto di ritiro e consegna” della droga ritenuto sicuro dai trafficanti per evitare i controlli delle forze dell’ordine. Acquirente e spacciatore concordano luogo e ora della consegna e la merce viene lasciata nel punto stabilito. A scoprirlo sono stati i carabinieri intervenuti per un litigio tra alcuni africani. L’intervento, finalizzato a sedare gli animi e verificarne la regolarità sul territorio nazionale, si è poi esteso a tutta l’area circostante consentendo di recuperare lo stupefacente.

Il secondo deposito è stato scoperto nell'abitazione di un pregiudicato del luogo. A seguito di perquisizione domiciliare l’uomo è stato trovato in possesso di 450 grammi di marjuana e 140 grammi di hashish, oltre ad un bilancino di precisione e a una cartuccia cal. 357 magnum. L’indagato, che è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, è risultato destinatario di un ordine di carcerazione in quanto condannato ad espiare 2 mesi e 20 giorni per furto aggravato. Per contrastare dello spaccio e consumo dal mese di giugno, sono operative nei quartieri Aurora e Barriera Milano le Cio, Compagnie di intervento operativo dei carabinieri. Sono squadre specializzate nel controllo del territorio e nel contrasto di reati predatori particolarmente gravi, come rapine, estorsioni e furti, ma conoscono bene anche le tecniche dell'antiterrorismo.

Gli uomini, che si aggiungeranno all'attività dei servizi preventivi disposti dal comandante provinciale dell'Arma, il colonnello Francesco Rizzo, arrivano dal primo battaglione. Gli uomini delle Cio si aggiungono alle di zona che hanno già modificato gli orari per coprire più turni e garantire una presenza sul territorio 24 ore su 24.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium